Cerca

Vatican News

Presepe di sabbia in San Pietro, i primi colpi di pala e scalpello

Lo scultore russo Ilya Filimontsev, dopo lo scoprimento della parte alta della piramide di sabbia, ha iniziato a scolpire la figura dell’Angelo per la “Sand Nativity” offerta al Papa dal Comune di Jesolo. Ci lavoreranno tre scultori, del team "Sultans of sand", e sarà completata il 6 dicembre

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Imbragati come tre scalatori, e armati di pala e piccone, i tre scultori del team “Sultans of sand”, coordinati dallo statunitense Richard Varano, che ha fatto della sua passione d’infanzia per i castelli di sabbia una professione, salgono sulla piramide di sabbia che da sabato svetta al centro di piazza San Pietro e ne liberano la vetta dai “casseri”in legno nei quali la sabbia è stata compattata. Inizia così l’opera degli scultori che fino al 6 dicembre realizzeranno una “Sand Nativity”, un presepe monumentale in sabbia di 16 metri di larghezza per 5 di altezza e 6 di profondità.

Oggi arriva in piazza anche l’albero di Natale

E’ il dono a Papa Francesco del Comune di Jesolo, che dal 2002 realizza il suo presepe di sabbia, e del Patriarcato di Venezia, per il Natale 2018, e domani sarà affiancato dall’albero, un abete rosso alto circa 21 metri, proveniente dalla Foresta del Cansiglio e donato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla diocesi di Concordia-Pordenone.

La prima “Sand Nativity” a Jesolo nel 2002

“Sedici anni fa siamo partiti con un piccolo presepe – racconta emozionato Massimo Ambrosin, responsabile del progetto “Sand Nativity” per il Comune di Jesolo – che nel corso degli anni è cresciuto, e lo scorso anno ha attirato più di centomila persone nell’arco dei due mesi di apertura”. Ora la realizzazione del sogno di arrivare nella culla della cristianità: “Cercheremo di fare qualcosa di originale per non deludere le aspettative”.

Sabbia da scolpire, il segreto è la compattazione

Ma come fa la sabbia a diventare come marmo da scolpire? Lo chiediamo curiosi ad Ambrosin. “Sembra impossibile che con la sabbia si possano fare sculture quasi ‘marmoree’. Non ci sono additivi, non aggiungiamo nulla: è solo sabbia, che dev’essere particolarmente adatta per queste sculture, come quella dolomitica, che c’è in spiaggia a Jesolo, e acqua. Il segreto sta nella compattazione meccanica: sabbia e acqua vengono fortemente compattate all’interno di cassoni in legno con compattatori meccanici. Una volta tolto il legno si ottiene un blocco solido e compatto pronto per essere scolpito”.

Si inizia con l’Angelo, si finisce con i Re Magi

Il russo Ilya Filimontstev inizia con l’Angelo e poi proseguirà con la natività. Dopo di lui, a scendere, lavoreranno l’olandese Susanne Ruseler, che realizzerà i pastori, e poi Radovan Zivny, della Repubblica Ceca, sempre del team “Sultans of sand”, che modellerà i Re Magi, figure che saranno alte poco più di due metri. “E’ un’opportunità unica lavorare qui in piazza San Pietro, a due passi dalle opere di Michelangelo, Raffaello e Bernini – ci dice Radovan  - in un clima di grande spiritualità”.

La sabbia, materiale difficile ma “flessibile e veloce”

Scolpire la sabbia può essere difficile, chiarisce l’artista ceco, “ma d’altro canto la sabbia è molto flessibile, e se facciamo un errore, possiamo riparare. Poi la sabbia è un materiale molto veloce, al contrario della pietra. Possiamo fare un’opera di 16 metri in due settimane, con la pietra sarebbe impossibile”.

Photogallery

Primo giorno di lavoro per la "Sand Nativity" 2018
21 novembre 2018, 20:18