Cerca

Vatican News

Il Papa: il vertice sul clima offra risposte efficaci e speranze concrete

In occasione della Cop26, Francesco invia un audio-videomessaggio alla BBC. Centrale l'auspicio di una rinnovata solidarietà globale per compiere "scelte radicali" che ci permettano di uscire dalle crisi trasversali e interconnesse che l'umanità affronta. Via da percorrere: una conversione che non sia solo spirituale

Isabella Piro – Città del Vaticano

Una “tempesta perfetta” travolge il mondo, una tempesta causata dal cambiamento climatico e dalla pandemia da Covid-19, una tempesta che spezza i legami della società, provocando una crisi multiforme: sanitaria, ambientale, alimentare, economica, sociale, umanitaria, etica. È questa l’immagine drammatica che Papa Francesco sceglie per aprire l’audio-videomessaggio trasmesso all’interno della rubrica radiofonica "Thought of Day" della BBC in vista della 26.ma Conferenza delle parti (Cop26) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Unfccc). L’incontro si terrà a Glasgow, in Scozia, dal 31 ottobre al 12 novembre.

Nuova solidarietà fondata su giustizia e condivisione

“Le nostre sicurezze sono crollate, il nostro appetito di potere e la nostra smania di controllo si stanno sgretolando”, afferma il Papa, che invoca “visione, capacità di pianificazione e rapidità di esecuzione” per ripensare “il futuro della nostra casa comune”. No, quindi, ad “atteggiamenti di isolamento, protezionismo, sfruttamento”; sì invece alla capacità di cogliere “una vera occasione di trasformazione, un vero punto di conversione, non solo in senso spirituale”:

Quest’ultima via è la sola che conduce verso un orizzonte “luminoso” e può essere perseguita solo attraverso una rinnovata corresponsabilità mondiale, una nuova solidarietà fondata sulla giustizia, sulla condivisione di un comune destino e sulla coscienza dell’unità della famiglia umana, progetto di Dio per il mondo.

Porre al centro dignità umana

È questa, dunque, la vera sfida che attende l’umanità oggi:

Si tratta di una sfida di civiltà a favore del bene comune e di un cambiamento di prospettiva, nella mente e nello sguardo, che deve porre al centro di ogni nostra azione la dignità di tutti gli esseri umani di oggi e di domani.

Dalla crisi non si esce da soli, bisogna costruire insieme

Di qui, l’invito del Papa a “costruire insieme”, perché “da una crisi non si esce da soli”, e non esistono “frontiere, barriere, mura politiche, entro le quali potersi nascondere”. Francesco ricorda, poi, l’Appello congiunto, firmato il 4 ottobre con Capi religiosi e scienziati, per richiamare “azioni più responsabili e coerenti” in ambito climatico, perché “non possiamo permettere” che le generazioni future debbano vivere “in un mondo inabitabile”.

Nell’Appello congiunto abbiamo richiamato la necessità di adoperarci responsabilmente a favore della “cultura della cura” della nostra casa comune ed anche di noi stessi, cercando di estirpare i “semi dei conflitti: avidità, indifferenza, ignoranza, paura, ingiustizia, insicurezza e violenza”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Occorre l’impegno di tutti

Ma “un cambio di rotta così tanto urgente”, sottolinea Francesco, richiede “l’impegno di ciascuno”, un impegno che “va alimentato anche dalla propria fede e spiritualità”. Perché se è vero che i politici che parteciperanno alla Cop26 “sono chiamati con urgenza ad offrire efficaci risposte alla crisi ecologica in cui viviamo” e “concreta speranza alle generazioni future”, è altrettanto vero che la responsabilità è globale:

Tutti noi — è bene ripeterlo, chiunque e ovunque siamo — possiamo avere un ruolo nel modificare la nostra risposta collettiva alla minaccia senza precedenti del cambiamento climatico e del degrado della nostra casa comune.

Cosa prevede la Cop26

Inizialmente prevista a novembre 2020, la Cop26 è stata posticipata di un anno a causa della pandemia. I Paesi partecipanti presenteranno i loro piani aggiornati di riduzione delle proprie emissioni. Nel 2015, infatti, al termine della Cop21 di Parigi, si stabilì di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi. Le nazioni, inoltre, si impegnarono ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici e a mobilitare i fondi necessari per raggiungere questi obiettivi, creando un piano nazionale indicante la misura della riduzione delle proprie emissioni, detto Nationally Determined Contribution (Ndc) o “contributo determinato a livello nazionale”. Tale piano va aggiornato ogni cinque anni ed è quello che avverrà durante la Cop26. Da ricordare che a guidare la delegazione vaticana all’appuntamento in Scozia sarà il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato.

29 ottobre 2021, 08:52