Cerca

Vatican News
Il Papa durante l'udienza con i piccoli dell' Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' Il Papa durante l'udienza con i piccoli dell' Ospedale Pediatrico Bambino Gesu'  (Vatican Media)

Padre Puppo (Bambino Gesù): autorità morale dei sofferenti dà identità all’ospedale

Francesco invita le Istituzioni internazionali a promuovere corridoi sanitari nell’attesa che in ogni Paese cresca la capacità di rispondere ai bisogni della salute. Così all'udienza speciale concessa alla grande famiglia dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede che celebrare i 150 anni di fondazione . Il commento del cappellano del Bambino Gesù padre Mario Puppo

 Luca Collodi – Città del Vaticano

"L'autorità morale dei bambini possa essere sempre richiamo alla fedeltà alla vocazione originaria di questo ospedale, e criterio di discernimento per le scelte future". E' l'appello che il Papa ha rivolto ieri a medici e infermieri del Bambino Gesù in occasione dell'udienza nell'Aula Paolo VI per i 150 anni della fondazione.

Nuove risorse

"Mi rallegro del buon andamento dell'Ospedale e della sua costante crescita, pur tra molte difficoltà, perché è opportuno che nei prossimi anni si possa continuare ad offrire ad ogni paziente le migliori cure, e che nessuno venga rifiutato". Attività, ha detto, che ”richiede risorse e spazi adeguati. Le esigenze della ricerca scientifica e la crescente domanda di assistenza, anche dall'estero, renderanno necessari nei prossimi anni nuovi investimenti nelle strutture e nelle tecnologie".

L’autorità morale dei bambini

“Come sempre il Papa sconvolge. Il protocollo è stato stravolto  - commenta il padre vincenziano Mario Puppo, cappellano del Bambino Gesù, con i bambini ai suoi piedi - . Francesco rconosce che sono qualcosa di importante che fanno bene a lui e a noi. Chi lavora in ospedale lo sa. Capisce che le tante cose che facciamo sono in obbedienza a questa autorità che ha determinato la fondazione dell’ospedale.

Ascolta l'intervista integrale a padre Mario Puppo

Corridoi sanitari

“In risposta alla ricerca di salute, di vita - rimarca nella nostra intervista il cappellano - dobbiamo fare in modo di superare ogni barriera proprio in riferimento all’autorità di questi bambini sofferenti. Questo ci sprona a ricercare strade nuove e vie che vanno aldilà di qualsiasi difficoltà logistica, politica, civile, ideologica o religiosa".

17 novembre 2019, 09:05