Cerca

Vatican News

Papa Francesco a Camerino

Il Pontefice ha lasciato il Vaticano per recarsi nelle zone terremotate della diocesi di Camerino – San Severino Marche

Barbara Castelli – Città del Vaticano

Una carezza speciale per gli abitanti delle Marche, brutalmente colpiti nel 2016 dal terremoto che ha sconvolto il Centro Italia. Il sisma, di magnitudo 6.0, insieme con quelli che sono seguiti, ha causato 298 morti, 17 mila sfollati, 300 mila immobili lesionati o inagibili, 5 mila segnalazioni di danni al patrimonio artistico, tra cui anche chiese e la Basilica di Norcia.

Queste ferite ancora aperte ricevono oggi un po’ di sollievo, grazie alla presenza di Papa Francesco, in visita nella diocesi di Camerino-San Severino Marche.

Il Pontefice ha lasciato l’eliporto vaticano poco prima delle ore 8:00, alla volta del Centro sportivo dell’Università di Camerino. Ad accoglierlo: mons. Francesco Massara, arcivescovo di Camerino-San Severino Marche; Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche; Iolanda Rolli, prefetto di Macerata; Antonio Pettinari, presidente della Provincia di Macerata; Gianluca Pasqui, sindaco di Camerino; e Claudio Pettinari, rettore dell’Università di Camerino.

La prima tappa della giornata prevede la visita alle Sae, le strutture abitative emergenziali, per incontrare alcune famiglie. Segue l’appuntamento in cattedrale e l’incontro con i sindaci di tutta la diocesi. Alle 10.30 Papa Francesco celebra la Santa Messa a piazza Cavour, prima della recita dell’Angelus. Dopo una breve sosta davanti alla chiesa di Santa Maria in Via, il Pontefice pranza con i sacerdoti della diocesi, al Centro di Comunità San Paolo. Infine, prima del congedo, un breve incontro con i bambini della diocesi che hanno ricevuto la Prima Comunione, alle ore 15:30, nella palestra del Centro sportivo dell’Università di Camerino. 

Secondo quanto ha precisato il direttore “ad interim” della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, si tratta di circa 760 le persone, tra cui 200 bambini. Papa Francesco ha voluto aggiungere questo incontro al programma iniziale, dopo che – in una recente visita in Vaticano – l’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche, mons. Francesco Massara, aveva mostrato al Pontefice le lettere scritte dai bambini delle zone terremotate. Con questo appuntamento Papa Bergoglio vuole abbracciare idealmente tutti i bambini e i giovani del territorio colpito dal sisma.

Ultimo aggiornamento ore 13:15

16 giugno 2019, 08:11