Cerca

Vatican News

Papa: il male è come un leone furioso, ma Gesù ci libera dal suo potere

"Ma liberaci dal male": è questa l'ultima invocazione contenuta nel "Padre nostro" a cui Papa Francesco dedica la catechesi di questo mercoledì. Di fronte alla forte presenza del male nel mondo, i cristiani sperimentano che Gesù è "dalla nostra parte", Lui che dalla croce ha donato a tutti il perdono e la pace

Adriana Masotti - Città del Vaticano

La pervasiva presenza del male nel mondo e nel nostro stesso cuore: è a questa realtà che Papa Francesco dedica la catechesi all’udienza generale di oggi, completando la serie di riflessioni sulla preghiera del “Padre nostro” cominciata alcune settimane fa. Circa 20 mila le persone presenti in Piazza San Pietro, nonostante il tempo a tratti piovoso. La jeep bianca entra in piazza con a bordo, accanto a Francesco, otto tra bambine e bambini, tutti con un cappellino bianco e magliette blu o bianche su cui si leggono le quattro indicazioni del Papa riguardo all'immigrazione: "Accogliere, proteggere, promuovere e integrare". Sono otto piccoli arrivati dalla Libia con il corridoio umanitario del 29 aprile scorso e su un barcone alcuni mesi fa.
Di diverse nazionalità - tra cui Siria, Nigeria e Congo - sono attualmente ospitati con le loro famiglie nel Centro “Mondo Migliore” di Rocca di Papa e seguiti dalla Cooperativa “Auxilium”.

Una preghiera filiale, non infantile

Sette le domande contenute nel "Padre nostro", aveva detto lo scorso 27 febbraio il Papa, e oggi siamo arrivati all’ultima, quella che invoca: “Ma liberaci dal male”.  Chi prega dunque, spiega Francesco, non solo chiede di non essere abbandonato nella tentazione, ma supplica la liberazione dal male. Riconosce dunque la presenza del maligno e la sua minaccia:

Infatti, la preghiera cristiana non chiude gli occhi sulla vita. È una preghiera filiale e non una preghiera infantile. Non è così infatuata della paternità di Dio, da dimenticare che il cammino dell’uomo è irto di difficoltà. Se non ci fossero gli ultimi versetti del “Padre nostro” come potrebbero pregare i peccatori, i perseguitati, i disperati, i morenti? L’ultima petizione è proprio la petizione di noi quando saremo nel limite, sempre.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

La storia: un catalogo pieno di fallimenti

Il male nella nostra vita “è una presenza inoppugnabile”, afferma il Papa, basta sfogliare i libri della storia, un “desolante catalogo di quanto la nostra esistenza in questo mondo sia stata un’avventura spesso fallimentare”. Tanto che, a volte, la presenza del male, che non è opera di Dio, “sembra perfino più nitida di quella della misericordia di Dio”.  Una presenza “ingombrante” che troviamo nella natura, nella storia e perfino nel proprio cuore, e appare “in contraddizione con il mistero stesso di Dio”.  

L’ultimo grido del “Padre nostro” è scagliato contro questo male “dalle larghe falde”, che tiene sotto il suo ombrello le esperienze più diverse: i lutti dell’uomo, il dolore innocente, la schiavitù, la strumentalizzazione dell’altro, il pianto dei bambini innocenti. Tutti questi eventi protestano nel cuore dell’uomo e diventano voce nell’ultima parola della preghiera di Gesù.

Gesù ha sperimentato la forza del male

Papa Francesco ricorda che Gesù stesso ha sperimentato “per intero la trafittura del male” nell’ora della Passione e anche lui ha pregato “Abbà! Padre! Tutto è possibile a te: allontana da me questo calice!”. Gesù è morto ed è morto in croce, ha sperimentato la solitudine, il disprezzo, l'umiliazione, la crudeltà.

Ecco che cos’è l’uomo: un essere votato alla vita, che sogna l’amore e il bene, ma che poi espone continuamente al male sé stesso e i suoi simili, al punto che possiamo essere tentati di disperare dell’uomo.

Il Signore è dalla nostra parte e ci dona la pace

Il cristiano conosce la potenza del male, prosegue Francesco, ma sperimenta anche che Gesù è "dalla nostra parte" e viene in nostro aiuto.
Il Figlio di Dio ci ha liberato dal male, lui che “nell’ora del combattimento finale, a Pietro intima di riporre la spada nel fodero, al ladrone pentito assicura il paradiso”, e che invoca: ‘Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno’.

Dal perdono di Gesù sulla croce scaturisce la pace, la vera pace viene da là: dono del Risorto è la pace, un dono che ci dà Gesù. Pensate che il primo saluto di Gesù risorto è “pace a voi”, pace alle vostre anime, ai vostri cuori, alle vostre vite. Il Signore ci dà la pace, ci dà il perdono ma noi dobbiamo chiedere “liberaci dal male”, per non cadere nel male. Questa è la nostra speranza, la forza che ci dà Gesù, Gesù risorto, che è qui, in mezzo a noi: è qui."

Il saluto agli operatori di Save the children

Al termine della catechesi, nei saluti ai fedeli di lingua italiana, il Papa ha rivolto il suo pensiero a Maria: “In questo mese di maggio dedicato alla Madonna, - ha detto - vi invito ad imitarla. Siate coraggiosi e capaci di aprire il cuore a Dio e ai fratelli, per poter essere strumenti della misericordia e della tenerezza di Dio.“ Tra i gruppi ha poi citato la delegazione di Save the Children Italia, impegnata a favore dell’infanzia, presente all'udienza in occasione dei 100 anni di attività. Oltre ai circa 150 operatori in piazza, Francesco ha incontrato personalmente il presidente dell'organizzazione Claudio Tesauro, il direttore generale Valerio Neri e il vicedirettore Daniela Fatarella che gli hanno donato la pubblicazione sul centenario e un cofanetto realizzato dai ragazzi di Civico Zero Roma, il centro diurno per minori migranti di Save the Children, contenente le storie di alcuni di loro. "Ascoltare le parole di supporto di Papa Francesco oggi è stato molto emozionante per tutti noi - ha scritto in un comunicato a fine udienza Save the children - e il Suo invito a continuare a portare avanti la nostra missione ci stimola a proseguire con ancora più determinazione il nostro lavoro quotidiano".

Ai fedeli polacchi il Papa ricorda il 13 maggio 1981

Ai pellegrini polacchi, il Papa ha ricordato la memoria della Beata Vergine Maria di Fatima, che ricorreva ieri, e che coincide con la data dell’attentato a San Giovanni Paolo II. E ha sottolineato l’interpretazione che ne diede lo stesso Papa Wojtyla: “In tutto ciò che è accaduto, ho visto una particolare protezione materna di Maria”. Francesco ha ricordato le parole della Madonna: “Sono venuta ad ammonire l’umanità, affinché cambi la vita e non rattristi Dio con gravi peccati. Gli uomini recitino il rosario e facciano penitenza per i peccato”. “Ascoltiamo questa raccomandazione”, ha raccomandato, e ai fedeli di lingua portoghese ha ribadito: “Cerchiamo di pregare il rosario ogni giorno, offrendo a Dio quel minimo di tempo che gli dobbiamo (...) Avvicineremo così il cielo agli uomini”.

La famiglia e il suo ruolo nella cura del Creato

Infine, nel corso dei saluti ai fedeli di lingua inglese, Francesco ha salutato in particolare i rappresentanti dei Centri e Istituti universitari per gli Studi sulla famiglia, provenienti da diversi Paesi, riuniti per il loro primo incontro del Family International Monitor, promosso dal Pontificio Istituto Giovanni Paolo II. " Tale riunione - ha osservato il Papa - avviene in occasione della Giornata internazionale della famiglia, che quest'anno richiama il ruolo delle famiglie nella cura del creato, nostra casa comune".

Ultimo aggiornamento 16 maggio ore 10

15 maggio 2019, 09:49