Cerca

Vatican News

Il Papa in volo si commuove ricordando il giornalista Bukalov

Nel saluto ai giornalisti sull'aereo in volo verso Panama, Papa Francesco ha ricordato l’umanità del corrispondente della Tass scomparso nelle scorse settimane

Andrea Tornielli al seguito papale

“Un uomo di un grande umanesimo” capace di fare sintesi con lo stile di Dostoevskij. Con queste parole, commuovendosi, Papa Francesco salutando i giornalisti sull’aereo diretto a Panama, ha voluto ricordare Alexei Bukalov, corrispondente dell’agenzia Tass a Roma e veterano dei voli papali. Bukalov, che ha seguito fino all’ultimo i viaggi papali, è scomparso lo scorso 28 dicembre, all’età di 78 anni.

Il Papa, dopo aver ringraziato i giornalisti al seguito per il lavoro intenso che faranno nei prossimi giorni a Panama, ha aggiunto, con la voce rotta dal l’emozione: “Oggi è il primo volo nel quale manca un vostro collega a cui volevo tanto bene, Alexei Bukalov, della Tass”.

Ascolta la voce del Papa

“Era un uomo - ha continuato Francesco - di un grande umanesimo. Un umanesimo che non ha paura dell’umano fino al più basso, e del Divino fino al più alto. Un uomo capace di fare le sintesi in stile dostoevskiano”.

Il Papa ha quindi chiesto a tutti di osservare un momento di silenzio in memoria del giornalista russo e ha concluso con la preghiera del Padre Nostro. I giornalisti hanno salutato l’omaggio del Pontefice al loro collega con un applauso.

Prima del saluto, monsignor Mauricio Rueda Beltz, organizzatore dei viaggi papali, ha presentato il direttore ad interim della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, al suo primo volo in questa nuova veste.

 

23 gennaio 2019, 11:48