Cerca

Vatican News

Il sostegno del Papa all'iniziativa di Venezia: susciti attenzione sui cristiani discriminati

L'edizione 2018 del pellegrinaggio dei giovani alla Madonna della Salute, a Venezia, avrà per titolo “Maria, donna forte nella fede” e rivolgerà un’attenzione particolare alla testimonianza e al martirio dei cristiani perseguitati per la propria fede in molte parti del mondo

Adriana Masotti - Città del Vaticano

Ai giovani che questa sera prenderanno parte al pellegrinaggio diocesano promosso dal Patriarcato di Venezia e dalla Fondazione "Aiuto alla Chiesa che soffre", arriva il saluto affettuoso di Papa Francesco. In un messaggio a firma del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, Francesco sottolinea l’obiettivo dell’iniziativa: “sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma di tanti cristiani perseguitati a motivo della loro fede”. E auspica che la “provvida iniziativa susciti una doverosa attenzione da parte di tutti al grave problema delle discriminazioni che i cristiani subiscono in tante parti del mondo”.

Il diritto negato alla libertà religiosa 

Nel messaggio si ricorda che esistono molti Paesi in cui “è imposta un’unica religione, altri dove si assiste a persecuzione violenta o sistematico dileggio culturale nei confronti dei discepoli di Gesù” negando la libertà religiosa, quando essa costituisce invece “un diritto fondamentale dell’uomo che va riconosciuto poiché riflette la sua più alta dignità”. Il cardinale Parolin scrive che il Papa incoraggia, dunque, la preghiera affinché i cristiani che si trovano in condizioni difficili “possano resistere forti nella prova”, sentendo la vicinanza dell’intera comunità cattolica “così da diventare seme di nuova vitalità e di speranza per la Chiesa”. Insieme alla sua benedizione, il Papa invia ai partecipanti l’incoraggiamento “ad essere ovunque artefici di riconciliazione e di pace”.

L'iniziativa di Patriarcato e ACS oggi e domani

Il pellegrinaggio dei giovani guidato questa sera dal Patriarca, mons. Francesco Moraglia, che partirà alle 18.15 da piazza san Marco per arrivare alla Basilica della Madonna della Salute, precederà l’illuminazione della Basilica stessa, del tratto antistante del Canal Grande, del Ponte di Rialto e di altri luoghi simbolo della città lagunare. Un pensiero particolare sarà rivolto ad Asia Bibi, la cui innocenza è stata riconosciuta dalla Corte Suprema del Pakistan lo scorso 31 ottobre, mentre mons. Botros Fahim Awad Hanna, vescovo copto cattolico di Mynia in Egitto, offrirà la sua testimonianza. Domani alle 10, è prevista la celebrazione di una Messa solenne nella Basilica del Longhena presieduta dal Patriarca.

Ultimo aggiornamento foto il 21 novembre 2018 ore 13

20 novembre 2018, 12:07