Cerca

Vatican News
Il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau, presidente della riunione Osce, ha parlato a Vienna di "un rischio di guerra in Europa mai visto negli ultimi 30 anni" Il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau, presidente della riunione Osce, ha parlato a Vienna di "un rischio di guerra in Europa mai visto negli ultimi 30 anni"  (AFP or licensors)

Ucraina, gelo sul dialogo Russia-Nato. Per l'Osce si rischia la guerra

Mosca chiude al negoziato dopo il vertice con la Nato e l'Osce parla di un rischio di guerra in Europa che non ha pari negli ultimi tre decenni. L'Alleanza Atlantica si dice compatta nella sua posizione, mentre gli Stati Uniti restano disponibili al confronto, ma anche fermi a reagire contro ogni aggressione verso Kiev e ad approvare nuove sanzioni

Paola Simonetti - Città del Vaticano  

"Colloqui infruttuosi". Così si esprime Mosca in merito al confronto con la Nato di due giorni fa a Bruxelles: la spaccatura nasce dall'indisponibilità dell'Occidente a prendere in considerazione le sue preoccupazioni sull'allargamento dell'alleanza che dovrebbe coinvolgere Kiev, ed evoca possibili missioni militari all'estero, se gli Stati Uniti aumenteranno la pressione.

Il pericolo di un conflitto armato 

L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) intanto paventa oscuri scenari: "Ci troviamo davanti al più grande rischio di guerra in Europa degli ultimi 30 anni", ha dichiarato a Vienna il ministro degli affari esteri polacco Zbigniew Rau, nel suo discorso d'inaugurazione della presidenza polacca del Consiglio Permanente dell'Osce, facendo eco al capo della Nato, Stoltenberg, che proprio nell'ambito del vertice di due giorni fa, aveva affermato che il rischio di un conflitto è reale. A impensierire l'intensificarsi delle forze militari russe al confine dell'Ucraina: "Non abbiamo registrato grandi cambiamenti di recente, ma questo accumulo di truppe è ancora molto preoccupante", ha dichiarato Rob Bauer, presidente del comitato militare della Nato, al termine della riunione del comitato con i capi di Stato maggiore della Difesa dei Paesi membri a Bruxelles. 

Nato compatta e Stati Uniti pronti a reagire

L'Alleanza resta coesa sulla difesa di quei principi che ha definito "fondanti" nel rispetto della sovranità territoriale dell'Ucraina. "Siamo uniti nella Nato - ha spiegato il capo dell'Alleanza, Stoltenberg - e pronti a difenderci a vicenda e a riunirci di nuovo nel Consiglio Nato-Russia". Dal canto loro, gli Stati Uniti si sono detti "pronti a tutti gli scenari" con la Russia, "sia sul fronte di nuovi negoziati - ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Usa, Sullivan - che sulle misure necessarie e appropriate per difendere i nostri alleati, sostenere i nostri partner e rispondere con fermezza a qualsiasi aggressione". 

Il conflitto appare però improbabile secondo Germano Dottori, Consigliere scientifico della rivista Limes e Consigliere d'amministrazione di Med-Or, che vede scarso interesse da parte della Russia a innescare una guerra che avrebbe costi altissimi su molti fronti. Una posizione, quella di Mosca che, tuttavia, spiega ancora Dottori a Vatican News, "andrebbe considerata nel contesto storico vissuto dalla Russia, oggetto di diverse invasioni che non ha dimenticato. Per questo vuole con determinazione garantire la propria sicurezza ai confini, sicurezza che un allargamento dell'alleanza comprometterebbe". Certamente, aggiunge Dottori, i colloqui così impostati non potevano dare frutti soddisfacenti, viste le posizioni siderali di Russia e Nato.

Ascolta l'intervista a Germano Dottori

Le sanzioni alla Russia 

Gli Stati Uniti non hanno escluso possibili restrizioni economiche contro Mosca, mentre Il Consiglio Ue ha prorogato di sei mesi, fino al 31 luglio 2022, le sanzioni contro la Russia per la destabilizzazione dell'Ucraina. Questa decisione fa seguito all'ultima valutazione dello stato di attuazione degli accordi di Minsk. Le sanzioni in vigore, introdotte per la prima volta il 31 luglio 2014 in risposta alle azioni di Mosca di destabilizzazione della situazione in Ucraina, come ha spiegato il Consiglio in una nota, limitano fra l'altro l'accesso ai mercati dei capitali primari e secondari dell'Ue per alcune banche e società russe,  vietano forme di assistenza finanziaria, di intermediazione nei confronti delle istituzioni finanziarie russe e non consentono l'importazione, l'esportazione o il trasferimento diretto o indiretto di tutto il materiale relativo alla difesa.

14 gennaio 2022, 09:20