Cerca

Vatican News
Scontri di ieri a Gerusalemme Scontri di ieri a Gerusalemme  (AFP or licensors)

Gerusalemme: scontri nella città vecchia dopo la preghiera islamica del venerdì

Ieri, venerdì della preghiera islamica, scontri a Gerusalemme tra forze dell’ordine israeliane e fedeli musulmani. In serata dalla Striscia di Gaza lancio di razzi in territorio israeliano. Preoccupazione degli Stati Uniti per la possibile escalation delle violenze

Giancarlo La Vella – Città del Vaticano

Il clima è preoccupante a Gerusalemme. Ieri, dopo la preghiera islamica, migliaia di musulmani, uscendo dalla Spianata delle Moschee, hanno vissuto come provocazione la presenza di reparti di polizia armati in tenuta anti-sommossa. E’ stata la scintilla che ha innescato un pomeriggio di scontri. Gli agenti hanno risposto al lancio di bottiglie con granate assordanti. In serata centinaia di palestinesi si sono riuniti tra Gerusalemme e Ramallah. Sono state lanciate pietre verso la Tomba di Rachele, luogo sacro ebraico. A fine giornata nuova provocazione: tre razzi lanciati dalla Striscia di Gaza in territorio israeliano che non sembra abbiano causato vittime e danni.

Usa: più sicurezza e rispetto dei diritti umani

Gli Stati Uniti hanno espresso profonda preoccupazione per l'escalation della violenza in Israele. Forte la condanna delle esortazioni all’odio. “Chiediamo calma, unità e garanzia per la sicurezza e i diritti di tutti a Gerusalemme", ha twittato ieri sera il portavoce della diplomazia statunitense, Ned Price. Altro motivo di tensioni sul fronte internazionale è l’atteso l'annuncio oggi da parte del presidente americano, Joe Biden, del riconoscimento del genocidio armeno ad opera dell'Impero ottomano, 106 anni fa, quando 1 milione e mezzo di armeni vennero uccisi. Lo stesso capo della Casa Bianca ieri ha chiamato il presidente turco, Erdogan, confermandogli la sua decisione. Tutti gli armeni commemorano oggi quell’eccidio.

24 aprile 2021, 10:15