Cerca

Vatican News

Avanza la pandemia nel mondo: negli Usa per la prima volta oltre 100 mila casi giornalieri

È allarme rosso in tutto il mondo per la pandemia da coronavirus. Sono quasi 48 milioni i casi accertati ed oltre un milione i morti.

Amedeo Lomonaco - Cittàdel Vaticano

C'è stata una "ulteriore accelerazione" nella diffusione del coronavirus nel mondo. Negli  Stati Uniti, il Paese più colpito, sono stati registrati, nelle ultime 24 ore, oltre 100 mila casi. In Russia, nonostante il record di contagi, è stato deciso finora di non imporre un secondo blocco. Le autorità russe hanno spiegato che il sistema sanitario è in grado di affrontare l’emergenza. Altri Paesi hanno invece annunciato nuove restrizioni.

Lockdown in Inghilterra

La scorsa settimana, ha riferito l’Oms, sono stati segnalati oltre 3,3 milioni di nuovi casi. Di questi, più della metà. nel Vecchio Continente. Situazione critica in Inghilterra dove è scattato un nuovo lockdown.  Il primo ministro Boris Johnson ha annunciato una chiusura dopo un ulteriore peggioramento del bilancio delle vittime.

Nuove misure anti Covid in Portogallo e Polonia

Nuove chiusure anche per il 70% dei portoghesi, ovvero circa 7 dei 10 milioni di abitanti.  La decisione è stata presa nei giorni scorsi ma i provvedimenti sono entrati in vigore da ieri. La Polonia annuncerà restrizioni per cercare di frenare la morsa del Covid e per non rendere ancora più criticala situazione negli ospedali.

In Spagna oltre 32 mila morti dall’inizio della pandemia

Nuovo record giornaliero di contagi in Germania, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati quasi 20 mila casi. Situazione critica anche in Francia dove sono quasi 400 i morti nelle ultime 24 ore.  In Spagna è stato ricalcolato il numero dei decessi. Dall’inizio della pandemia, i morti sono più di 32 mila. In rapporto alla popolazione, in Spagna sono morte 815 persone per ogni milione di abitanti: nel mondo, solo Belgio e Perù hanno un tasso di mortalità più alto.

Danimarca: deciso l’abbattimento di 15 milioni di visoni

 In Danimarca saranno abbattuti tutti i visoni d’allevamento (fra i 15 e i 17 milioni) perché hanno trasmesso una mutazione del virus  a 12 persone. La Danimarca è uno dei principali esportatori mondiali di pellicce di visone, producendo circa 17 milioni di pellicce all'anno. Secondo le stime del governo, l'abbattimento dei 15 milioni di visoni del Paese potrebbe costare fino a 5 miliardi di corone (785 milioni di dollari).

Nuovo Dpcm in Italia

In Italia il premier Conte ha illustrato ieri sera il nuovo Dpcm con misure anti Covid che entrerà in vigore domani. Il Paese è stato diviso in tre aree. Sono quattro le regioni dell’area rossa, quella ad alta cristictà: –Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. La classificazione di ogni Regione è stata decisa dal ministero della Salute sulla base di 21 parametri. Tra questi, l'indice di contagio "Rt" e dati legati ai posti letto e alle terapie intensive negli ospedali.

05 novembre 2020, 07:42