Cerca

Vatican News

VNS – ITALIA Cortile di Francesco. Monsignor Galantino: fare economia per alimentare la speranza

VNS – ITALIA Cortile di Francesco. Monsignor Galantino: fare economia per alimentare la speranza

(VNS) – 17set21- “Non esiste un'economia che non debba fare profitto, ma esiste un'economia che guardi oltre e con speranza: il modo di fare economia è il modo in cui si alimenta la speranza”: è quanto affermato da Monsignor Nunzio Galantino, presidente dell'Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica (Apsa), intervenuto oggi, 17 settembre, al “Cortile di Francesco”, l’evento di dialogo tra credenti e non credenti in corso fino a domenica prossima ad Assisi, la città di San Francesco. Giunto alla settima edizione, il Cortile ha per tema proprio la speranza e la sua prima sessione di lavori è stata dedicata a “La Chiesa per una nuova economia”.

L'alternativa a un’economia del profitto c'è, ma fa fatica a farsi strada – ha aggiunto Monsignor Galatino -Se la speranza cammina su binari neoliberisti, per cui c'è spazio solo per chi produce e fa valore, non si può nutrire speranza”. Di qui, l’invito del presule a “guardare oltre”, ad un’economia che pensi anche “all’etica, alla solidarietà mondiale, alla distribuzione dei beni, a difendere posti, alla dignità di deboli, a Dio che esiste e che chiede un impegno per la giustizia”.

Dal presidente dell’Apsa, inoltre, è giunto il rammarico per “l’iniquità” presente in Italia, dove le aziende spesso chiudono e si delocalizzano per risparmiare sulle spese, mentre i lavoratori restano disoccupati. “L’iniquità è radice dei mali sociali”, ha ribadito Monsignor Galatino, esortando i giovani a farsi promotori di un nuovo modello socio-economico. “Le scelte culturali costano fatica e questa fatica dobbiamo farla tutti insieme”, ha concluso il presule.

Fino al 19 settembre, saranno 70 i relatori e 22 i dibattiti e le lectio magistralis che si alterneranno nel “Cortile di Francesco”, insieme a due concerti e a tante testimonianze dirette. Le aree di riflessione dell’evento sono due: la prima è intitolata “I modi della speranza” e vede il tema cardine analizzato dal punto di vista religioso, filosofico, letterario, psicologico, economico, lavorativo e storico-sociale. La seconda area tematica, invece, è denominata “Kabul Afghanistan”, con un richiamo ai luoghi in cui la speranza trova il più difficile terreno di interpretazione. Per questa sera, infine, è atteso un omaggio a Gino Strada, fondatore di Emergency, associazione umanitaria internazionale, scomparso il 13 agosto. Il suo ricordo sarà portato dalla figlia Cecilia. “Una cosa è certa - afferma il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato - abbiamo bisogno di fiducia, non vogliamo spegnere la luce della speranza”.

Vatican News Service – IP

17 settembre 2021, 16:25