Cerca

Vatican News

VNS – NIGERIA Rapito un sacerdote nello Stato di Kaduna. La diocesi di Kafanchan invita a pregare per il suo rilascio

VNS – NIGERIA Rapito un sacerdote nello Stato di Kaduna. La diocesi di Kafanchan invita a pregare per il suo rilascio

 

VNS – 15set21 – Nella diocesi di Kafanchan, in Nigeria, un sacerdote, padre Benson Bulus Luka, è stato rapito lunedì scorso nella sua abitazione, nella chiesa cattolica di San Matteo, ad Anchuna, nell’area del governo locale di Zango Kataf dello Stato di Kaduna. A confermare l’avvenuto sequestro, il cancelliere della diocesi di Kafanchan, padre Emmanuel Uchechukwu che ha chiesto ai fedeli di pregare perché padre Bulus Luka venga rilasciato al più presto esortando tutti ad astenersi da qualunque iniziativa di giustizia privata. “Utilizzeremo ogni mezzo legittimo per garantire il suo rilascio rapido e sicuro” ha dichiarato padre Uchechukwu. Secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, uomini armati avrebbero fatto irruzione nella canonica e avrebbero prelevato il sacerdote, mentre altri individui hanno attaccato il villaggio di Apiye Jim uccidendo almeno 11 persone. Nello Stato di Imo, a Iheteukwa, nell’area del governo locale di Orsu, invece, ieri, è stato assassinato un sacerdote della Comunione anglicana nigeriana, il reverendo Emeka Merenu. Il DailyPost riferisce che gli assassini hanno anche dato alle fiamme l’automobile del sacerdote dopo averlo ucciso.

 

La Nigeria vive insicurezza dal 2009, da quando Boko Haram, con l’obiettivo di trasformare il Paese in uno Stato islamico, ha iniziato una serie di attacchi terroristici indiscriminati contro vari obiettivi, inclusi gruppi religiosi e politici, nonché civili. L'insicurezza nel paese è peggiorata, anche, a causa del coinvolgimento dei pastori fulani prevalentemente musulmani, che si sono scontrati spesso con i contadini cristiani per i pascoli. Il rapimento di padre Benson Bulus Luka è l’ultimo di una serie di sequestri che hanno preso di mira uomini di Chiesa, ricorda Aciafrica. Ad aprile, uomini armati hanno rapito padre Izu Marcel Onyeocha, membro della Congregazione dei Missionari Figli del Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria (clarettiani), in seguito liberato; a maggio, nella parrocchia cattolica di St. Vincent Ferrer Malunfashi della diocesi di Sokoto, sono stati prelevati altri due sacerdoti e uno di loro, padre Alphonsus Bello, sacerdote Fidei Donum di 33 anni incardinato nell’arcidiocesi di Kaduna, è stato ucciso, mentre padre Joe Keke, di 75 anni, è stato liberato; a luglio, padre Elijah Juma Wada, della diocesi di Maiduguri, è stato rapito ma è riuscito a fuggire dopo 9 giorni di prigionia. Il mese scorso, i vescovi cattolici della Nigeria hanno denunciato l’aumento di rapimenti, uccisioni e atti di vandalismo chiedendo al governo un impegno maggiore nella lotta alla cultura della violenza e all’impunità.

 

Vatican News Service – TC

 

 

15 settembre 2021, 13:01