Cerca

Vatican News

VNS – INDIA #coronavirus Lo sforzo della Chiesa per fermare la diffusione del Covid-19 nel nord-est del Paese

VNS – INDIA #coronavirus Lo sforzo della Chiesa per fermare la diffusione del Covid-19 nel nord-est del Paese

(VNS) – 7giu21 - Le diocesi negli Stati del nord-est del Paese si sono unite ad altri gruppi cristiani per contenere la diffusione del Covid-19 tra più di un milione di persone che lavorano in circa 800 piantagioni di tè nello Stato di Assam.

Monsignor Albert Hemrom, vescovo della diocesi di Dibrugarh, ha riferito ad UCA News come nella fase iniziale della seconda ondata di Covid-19, i casi fossero limitati alle principali città dell'Assam, e di come ora il virus abbia invece raggiunto i villaggi, “specialmente i lavoratori poveri e in gran parte analfabeti delle piantagioni di tè".

La regione, che comprende Assam, Manipur, Tripura e Sikkim, era in gran parte priva di casi di Covid-19 nella prima ondata iniziata nel gennaio 2020, ma la seconda ondata cominciata ad aprile ha cambiato la situazione. L'Assam, lo Stato più popoloso della regione, con circa 30 milioni di abitanti, ha registrato più di 4.000 nuovi casi giornalieri nella prima settimana di giugno, e circa 40 morti al giorno.

"Non abbiamo mai avuto problemi durante la prima ondata, ma ora centinaia di nuovi casi vengono segnalati ogni giorno nei nostri villaggi e nelle piantagioni di tè. È una questione di seria preoccupazione per noi", ha detto monsignor Hemrom.

Il contagio può diffondersi velocemente, perché la maggior parte dei lavoratori delle piantagioni vive in gruppi e in piccole stanze. Una persona infetta può contagiare un intero gruppo, “e in una tale situazione - ha aggiunto il vescovo - sarebbe disastroso”.

Padre Caesar Henry, un parroco che dirige operazioni di soccorso nel distretto di Golaghat, nella diocesi di Dibrugarh, parlando con UCA News, ha sottolineato come creare consapevolezza nella popolazione rappresenti una parte importante del suo lavoro.

"La popolazione indigena nelle piantagioni di tè è in gran parte all’oscuro dei protocolli Covid-19. Difficilmente può rispettare serie misure di distanziamento sociale, igieniche e altro", ha affermato. In questo contesto, il sacerdote ha lanciato speciali campagne di sensibilizzazione tra gli indigeni per informarli dell'importanza del distanziamento sociale, delle mascherine, del lavaggio delle mani, della sanificazione delle loro case e del vaccino, di cui spesso hanno timore.

Padre G.P. Amalraj, vice segretario del Consiglio episcopale regionale del Nord-Est, ha riferito come, alla luce di questi problemi, simili in tutta la regione, stiano raccogliendo fondi per sostenere i poveri in 15 diocesi cattoliche. I volontari cristiani – ha spiegato - forniscono strutture mediche, pasti e razioni secche ai poveri affamati dei villaggi e la Chiesa regionale ha creato anche un numero verde per fornire consulenza online a chi ha bisogno di sostegno.

Allen Brooks, portavoce dell'Assam Christian Forum, ha ribadito che la situazione è "davvero brutta" nella regione. Gli indigeni, in gran parte analfabeti, non sono in grado di seguire i protocolli Covid-19 e i giovani che vogliono essere vaccinati “non sono in grado di registrare i loro nomi online a causa delle frequenti interruzioni di corrente e delle scarse connessioni Internet".

"Possiamo solo lavorare con le agenzie governative ed aiutarle a salvare le loro vite con le nostre risorse limitate – ha concluso Brooks -, e lo stiamo facendo nel miglior modo possibile".

Vatican News Service - AP

07 giugno 2021, 14:59