Cerca

Vatican News

VNS – FILIPPINE Monsignor Pabillo: serve moratoria su estrazioni minerarie per tutelare popolazione e Creato

VNS – FILIPPINE Monsignor Pabillo: serve moratoria su estrazioni minerarie per tutelare popolazione e Creato

(VNS) – 17mag21 – L'attività mineraria è una delle cause della distruzione delle comunità indigene, dei poveri e del Creato: così, in sintesi, si è espresso ieri Monsignor Broderick Pabillo, Amministratore dell'arcidiocesi di Manila, nelle Filippine. In particolare, il presule ha fatto riferimento alla revoca della moratoria di nove anni sulle estrazioni minerarie, stabilita lo scorso aprile dal Capo dello Stato, Rodrigo Duterte. "Vedremo di nuovo le violazioni dei diritti umani degli indigeni, dei contadini, dei pescatori e degli ambientalisti che sono contro l'attività mineraria", ha messo in guardia il presule, secondo il quale la decisione dello Stato è frutto di una strategia politica pensata in vista delle elezioni presidenziali del 2022, così da raccogliere maggiori fondi da parte delle imprese estrattive. “Ma di tali fondi – ha ribadito il presule – non beneficerà l’intero Paese, bensì solo alcuni”.

Monsignor Pabillo ha celebrato la Messa presso la parrocchia di San Giuseppe a Gagalangin, inaugurando, ieri 16 maggio, la “Settimana Laudato si’” sulla salvaguardia dell’ambiente. Promossa dal Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale e da numerose organizzazioni, la “Settimana” conclude lo speciale “Anno Laudato si’”, avviato a maggio 2020 per celebrare il quinto anniversario della pubblicazione dell’omonima Enciclica di Papa Francesco sulla cura della casa comune. Numerose dunque le iniziative di preghiera e formazione, svoltesi soprattutto on line, che si sono svolte nell’ambito di questi dodici mesi.

Da ricordare che già ad aprile i vescovi filippini si erano espressi contro la revoca della moratoria sulle estrazioni minerarie: firmata nel 2012 dall’allora presidente Benigno Aquino, la sospensione mirava a fermare le operazioni distruttive per l’ambiente, consentendo allo Stato di verificare e rinegoziare i contratti con le imprese minerarie, in caso di abusi ambientali. Ma ora “la revoca della moratoria – spiegava il mese scorso Monsignor Jose Colin Bagaforo, presidente della Commissione per l’Azione sociale, la giustizia e la pace della Conferenza episcopale filippina – favorirà solo i grandi interessi commerciali, non la popolazione. Il governo ha scelto il profitto, piuttosto che i sofferenti e la tutela del Creato”, spinto “da interessi egoistici, invece che dal bene comune”.

Vatican News Service – IP  

17 maggio 2021, 11:00