Cerca

Vatican News

VNS – GERMANIA Pubblicato rapporto annuale sulla povertà. I vescovi: chiamati a giustizia e solidarietà tra le generazioni

VNS – GERMANIA Pubblicato rapporto annuale sulla povertà. I vescovi: chiamati a giustizia e solidarietà tra le generazioni

(VNS) – 13mag21 – È stato pubblicato in Germania dal governo federale il sesto rapporto sulla povertà che mette in luce l’aggravamento di certe situazioni in seguito alla pandemia da Coronavirus. Il presidente della Commissione per le Questioni sociali della Conferenza episcopale tedesca e vescovo di Essen, monsignor Franz-Josef Overbeck, e il presidente della Commissione per le Questioni caritative e arcivescovo di Friburgo, monsignor Stephan Burger dal sito dell’Episcopato salutano con favore a una pubblicazione che “permette di guardare alla povertà e alla ricchezza in modo differenziato e a lungo termine”.

“Il rapporto permette di identificare i punti di forza e di debolezza dello Stato sociale per migliorare la situazione in Germania dove necessario”, spiegano i due vescovi, sottolineando, però, la delicatezza della situazione attuale che non va sottovalutata: "La crisi del Coronavirus ha dimostrato che abbiamo uno Stato sociale efficiente. Le misure del mercato del lavoro e della politica sociale sono state in grado di mitigare alcune delle difficoltà, ma è anche tornato chiaro chi è particolarmente vulnerabile, e cioè i lavoratori precari, i genitori single, i lavoratori autonomi e le persone con disabilità, per esempio, sono stati a lungo a rischio di povertà superiore alla media. La loro situazione è stata esacerbata dalla pandemia”.

Anche la povertà radicata, ovviamente, continua a essere un problema: “Sosteniamo misure di politica sociale che mirano e riducono efficacemente la povertà e forniscono opportunità alle persone che si trovano alla base della società. Inoltre, il background di un bambino e la situazione finanziaria dei suoi genitori giocano ancora un ruolo troppo grande nel determinare le opportunità che gli si apriranno in futuro – proseguono - è qui che lo Stato e la società civile sono chiamati a battersi per una maggiore giustizia e solidarietà, soprattutto tra le generazioni".

L'arcivescovo Stephan Burger precisa inoltre che "lo Stato sociale deve continuare a fare ogni sforzo in futuro per raggiungere efficacemente le persone nelle loro situazioni di bisogno con le infrastrutture sociali e le istituzioni di interesse generale. Sul terreno, la politica sociale diventa concreta e le situazioni di vita individuali vengono alla luce”.

L'anno scorso la Conferenza episcopale tedesca ha affrontato la questione della disuguaglianza regionale nel suo documento di discussione “Più partecipazione e coesione attraverso condizioni di vita uguali”. In esso i vescovi hanno indicato le opzioni di azione per rafforzare la vita sociale a livello locale e regionale.

Infine, il ringraziamento alla Caritas e ai suoi volontari che “nel loro lavoro quotidiano a tempo pieno stanno accanto alle persone bisognose di aiuto con le parole e con i fatti, per esempio nei banchi alimentari o nella consulenza sui debiti. Così facendo, danno un segno convincente della carità attiva a cui tutti siamo chiamati", hanno concluso.

Vatican News Service - RB

13 maggio 2021, 13:21