Cerca

Vatican News

VNS – PARAGUAY Messaggio vescovi agli insegnanti: siate costruttori di speranza

VNS – PARAGUAY Messaggio vescovi agli insegnanti: siate costruttori di speranza

(VNS) – 4mag21 – “Essere donatori di vita e costruttori di speranza, forgiando, attraverso l'educazione, il futuro delle nuove generazioni”: questa l’esortazione rivolta dalla Conferenza episcopale del Paraguay (Cep) a tutti gli insegnanti del Paese. In un messaggio diffuso il 30 aprile, “Giornata nazionale degli insegnanti”, il presidente della Cep, Monsignor Adalberto Martinez Flores, invita i docenti a formare “onesti cittadini al servizio del Paraguay che vogliamo e sogniamo”. Esprimendo, poi, “ammirazione, gratitudine e riconoscimento” a tutti gli insegnanti per “il prezioso servizio all'educazione e alla formazione” della popolazione, il presule sottolinea che “insegnare ha sempre significato abnegazione e sacrificio”, perché “la vocazione all'insegnamento è un'espressione di servizio, generosità e dedizione agli altri”. A maggior ragione ora, nel contesto provocato dalla pandemia da Covid-19, il lavoro dei docenti si è moltiplicato, anche a causa della didattica a distanza, costringendoli a sacrificare “le ore di riposo o di condivisione in famiglia per occuparsi delle necessità di apprendimento degli studenti a loro affidati”.

Al contempo, il presidente della Cep invita a “fare memoria di quegli insegnanti che hanno fatto parte della nostra vita e che hanno gettato i semi della conoscenza nei solchi del Paese, facendo germogliare i ricchi ed eccellenti frutti della cultura”. I “grandi atleti del sapere – continua il messaggio – hanno trasmesso la luce della conoscenza alle generazioni future”. Di qui, l’invito di Monsignor Martinez Flores a tutti i docenti affinché continuino a portare avanti il loro compito e la loro “vocazione”, ispirati dal Signore che è “via, verità e vita”.

Il presule richiama, poi, le parole di Papa Francesco, pronunciate il 9 febbraio 2017, nel corso di un’udienza ai partecipanti alla Plenaria della Congregazione per l’Educazione cattolica: “L’educazione è generatrice di speranza; è un far nascere, è un far crescere, si colloca nella dinamica del dare la vita. E la vita che nasce è la sorgente più zampillante di speranza; una vita tesa alla ricerca del bello, del buono, del vero e della comunione con gli altri per una crescita comune. (…) Il vero educatore è come un padre e una madre che trasmette una vita capace di futuro”. Infine, il pensiero della Cep va a tutti i docenti che sono morti a causa del Covid-19, insieme alla preghiera e al riconoscimento del loro lavoro e della loro missione.

Le origini della “Giornata degli insegnanti” in Paraguay risalgono al 1915: quell’anno, durante il Congresso nazionale degli Educatori, si decise di stabilire una data commemorativa per il lavoro portato avanti da tanti docenti. La scelta cadde sul 30 aprile per due motivi: il primo, perché è la vigilia della Festa dei lavoratori e il secondo, perché nella stessa data la Chiesa cattolica celebra la nascita di San Giovanni Battista de La Salle, Patrono degli educatori.

Vatican News Service – IP

04 maggio 2021, 12:05