Cerca

Vatican News
Notiziario in latino Notiziario in latino 

Hebdomada Papae: il Gr in latino dell'8 maggio

Le notizie vaticane in lingua latina, con traduzione in italiano, anche in onda ogni domenica alle 17.30. Il sommario di oggi: il Papa apre la maratona mariana per invocare la fine della pandemia. Ogni giorno di maggio un Santuario del mondo pregherà il Rosario. Messaggio di Francesco per la 107.ma Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato: l’incontro con lo straniero è un terreno fecondo per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso. Verrà presentato l’11 maggio il Motu proprio del Papa "Antiquum ministerium", con il quale il servizio del catechista verrà configurato come ministero

                                                              “HEBDOMADA PAPAE”
                                                      Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                   Die 8 (octavo) mensis Maii anno 2021
                                                         bis millésimo uno et vicésimo)

(TITULI)

Summus Póntifex Mariále iter íncipit ad pestiléntiae finem inponéndum. Síngulis mensis Máii diébus quoddam terrárum orbis sanctuárium Rosárium precábitur.

Francísci evulgátur núntius de centésimo séptimo Die Mundiáli Migrántis et Pérfugae: quod ádvena convenítur, id oecuménicum et inter religiónes diálogum iuvat.

Die undécimo mensis Máii Lítterae apostólicae motu próprio datae, quárum títulus Antíquum ministérium, exhibebúntur, in quibus catechistárum famulátus in ministérium convertétur.

Salútem plúrimam ómnibus vobis auscultántibus dicit Catharína Agorélius et felíciter vobis audiéntibus núntios Latína língua prolátos.

Ascolta l'audio in latino

(NOTITIAE PRAECIPUAE)

Praetérito die prímo mensis Máii Mariális precatiónis incéptum incohávit Póntifex: síngulis diébus totum per Máium ménsem, in quódam terrárum orbis Sanctuário, Vírgini Maríae dicáto, Rosárium orátur ad pestiléntiae finem imponéndum. Refert Alexánder De Cárolis:
Apud trigínta in toto terrárum orbe sanctuária uno ore speciósa coróna precatória Rosárii versátur. Hoc est praecípuum Mariális itíneris propósitum, quod Póntifex mense Máio suscépit. Ecclésia cuncta pestiléntiae témpore una simul óbsecrat ut morbus iste exstinguátur. Francíscus ipse, praetérito die prímo mensis Máii, hoc incéptum incohávit, Rosárium précans coram effígie Vírginis Maríae a Succúrsu, in papáli Petriána basílica. Posthác in Sanctuáriis Angliae, Nigériae, Brasíliae precátio “Ave María” coepta est proclamári. Quod incéptum usque ad trigésimum prímum diem mensis Máii continuátur, cum Póntifex rursus Mariális itíneris finem fáciet. “Síngulis húius mensis Maii diébus – orávit tandem Póntifex – tibi committémus, Mater Misericórdiae, tot hómines quos hoc virus corrípuit, quíque illíus efféctum experiúntur”. “Hora probatiónis nos sústine et in córdibus nostris spéi futúri lumen accénde”.

In terrárum orbe, quem coronárium virus et nímia singulórum cómmoda depravavérunt, Ecclésia compléxus osténdat vultum, praeiudíciis et timóribus amótis. Hoc scribit Francíscus Papa suo in núntio de Die Mundiáli Migrántis et Pérfugae. Compósuit Monia Parente:
Cum aetas vígeat, in qua “nímium própriae Natiónis angústum infensúmque stúdium et singulórum sola cómmoda frangunt vel nos dívidunt, tam extra, quam intra Ecclésiam, Póntifex sómniat futúrum aevum, in quo Ecclésia “magis ac magis hómines complectátur”. Hic est Francísci núntii cardo de centésimo séptimo Die Mundiáli Migrántis et Pérfugae, die sexto et vicésimo consequéntis mensis Septémbris recoléndo. In ipsíus scripto, praetérito die Iovis evulgáto, osténditur quómodo apud Ecclésiam migrántes et pérfugae recépti aliárum religiónum ádiuvent oecuménicum et inter religiónes diálogum. In terrárum orbe, in quo propter sanitátis necessitátes illud “nos” quod Deus vóluit “sauciátum ac depravátum” vidétur, quóniam “Natiónes obserúntur et aggrediúntur”, Francíscus exóptat ut testimónium perhíbeat Ecclésia ábsque praeiudíciis et métibus includéndi.

(NOTITIAE BREVISSIMAE)
Die Martis undécimo mensis Máii Lítterae apostólicae motu proprio datae, quarum títulus Antíquum ministérium, sociális communicatiónis instruméntis tradéntur. Hoc per documéntum catechistárum famulátus in ministérium convertétur.
Haec háctenus, próxima hebdómada eádem hora vos conveniémus.

 

                                                                “HEBDOMADA PAPAE”
                                                       Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                                     8 maggio 2021

(TITOLI)

Il Papa apre la maratona mariana per invocare la fine della pandemia. Ogni giorno di maggio un Santuario del mondo pregherà il Rosario.

Messaggio di Francesco per la 107.ma Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato: l’incontro con lo straniero è un terreno fecondo per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso.

Verrà presentato l’11 maggio il Motu proprio del Papa dal titolo Antiquum ministerium: il servizio del catechista verrà configurato come ministero.

Un cordiale buongiorno a tutti voi in ascolto da Katarina Agorelius e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.


(SERVIZI)

Lo scorso primo maggio il Papa ha avviato l’iniziativa di preghiera mariana che vede ogni giorno, per tutto il mese di maggio, uno dei Santuari mariani del mondo recitare il Rosario per invocare la fine della pandemia. Ce ne parla Alessandro De Carolis:

Trenta Santuari di tutto il mondo come una ideale corona del Rosario da sgranare a una sola voce. È questa l’idea di fondo della maratona mariana voluta dal Papa per il mese di maggio. La Chiesa unita al tempo della pandemia che implora insieme la fine di questo male. Francesco in persona, lo scorso primo maggio, ha dato il via a questa iniziativa recitando il Rosario davanti all'icona della Madonna del Soccorso, in Vaticano. Poi è stata la volta dei primi Santuari, dall’Inghilterra, alla Nigeria al Brasile, a intonare l’“Ave Maria”. E questo si snoderà fino al 31 maggio, quando di nuovo il Papa concluderà la maratona mariana. “Ogni giorno di questo mese di maggio – ha pregato il Papa alla fine – affideremo a Te, Madre della Misericordia, le tante persone che sono state toccate dal virus e continuano a subirne le conseguenze”. “Sostienici nell’ora della prova e accendi nei nostri cuori il lume della speranza per il futuro”.

Nel mondo sfigurato dal Covid e da individualismi, la Chiesa mostri il volto dell’inclusività senza pregiudizi e paure. È quanto scrive Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata del migrante e del rifugiato del prossimo settembre. Il servizio di Monia Parente:

In un’epoca in cui “i nazionalismi chiusi e aggressivi e l’individualismo radicale sgretolano o dividono il noi, tanto nel mondo quanto all’interno della Chiesa”, il sogno del Papa è quello di un futuro in cui la Chiesa sia “sempre più inclusiva”. È una delle affermazioni centrali del messaggio di Francesco per la 107.ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato del prossimo 26 settembre. Nel testo, reso noto giovedì scorso, si sottolinea come per la Chiesa l’accoglienza dei migranti e dei rifugiati di altre confessioni aiuti a sviluppare il dialogo ecumenico e interreligioso. In un mondo in cui, con l’emergenza sanitaria, “il noi voluto da Dio” sembra essersi “ferito e sfigurato” a causa di “nazionalismi chiusi e aggressivi”, Francesco auspica che la Chiesa dia una testimonianza di inclusività senza pregiudizi e paure.

(NEWS)

Martedì prossimo, 11 maggio, verrà presentato ai media il testo del Motu proprio del Papa dal titolo Antiquum ministerium. Con questo documento il servizio del catechista nella Chiesa verrà configurato come ministero.

È tutto per questa edizione, a risentirci sabato prossimo alla stessa ora.

08 maggio 2021, 12:40