Cerca

Vatican News

International Marconi Day: i radioamatori festeggiano la Radio Vaticana

Gli amanti delle onde radio di tutta Italia si sono dati appuntamento al centro di trasmissione di Santa Maria di Galeria in occasione della trentesima giornata dedicata al geniale inventore, al quale è stato intitolato un nuovo locale tecnologico "Disaster Recovery" per proteggere l'archivio del Dicastero per la Comunicazione

Michele Raviart - Città del Vaticano

H come Holy See, Santa Sede, V1 come Vaticano, CN come parte della sigla personale di Domenico Petti, tecnico della Radio Vaticana. Lettere e numeri che formano il nominativo HV1CN, identificativo della prima stazione radioamatoriale dello Stato della Città del Vaticano negli anni ’50, e che è stato usato nei messaggi dei radioamatori arrivati questa mattina al Centro trasmittente della Radio Vaticana di Santa Maria di Galeria per celebrare la trentesima edizione dell’International Marconi Day, dedicato all’inventore della radio e fondatore dell’emittente dei Papi.

Il giorno di chi ama la radio

Una “giornata in famiglia” con chi ama la Radio e chi l’ha inventata, ha ricordato Paolo Ruffini prefetto del Dicastero per la Comunicazione, che ha sottolineato la bellezza di condividere l’evento in un luogo allo stesso tempo centrale e periferico della Radio Vaticana, essendo il punto da cui partono le onde che portano il Vangelo e le parole dei Papi in tutto il mondo.

Paolo Ruffini: la bellezza di festeggiare le proprie radici

La radio preferita da Marconi

Un’occasione che coincide con i 90 anni della Radio Vaticana e per ricordare, come ha fatto la principessa Elettra Marconi, figlia del grande inventore, che questa era la stazione preferita da suo padre, tra le tante costruite dal premio Nobel per la fisica del 1909.

Elettra Marconi: da sempre vicina alla Radio Vaticana

Speranza e testimonianza attraverso le onde corte

“È stato particolarmente significativo ritrovarci con la principessa Elettra Marconi e suo figlio Guglielmo in uno dei centri nevralgici della comunicazione della Santa Sede”, ha ribadito Massimiliano Menichetti, responsabile di Radio Vaticana/ Vatican News. “Uno di quei centri che porta quotidianamente la speranza del Vangelo e la parola del Pontefice nel mondo”.

“L’attualità e l’importanza delle onde corte - ha proseguito Menichetti - ci è stata ultimamente ribadita dalla vicenda di padre Maccalli che, durante la sua prigionia nel Sahara, ha potuto pregare con Papa Francesco e restare in comunione con la Chiesa, grazie anche ad una piccola radio che gli era stata concessa dai suoi rapitori. Oggi, radio amatori di tutta Italia, e con loro la nostra stazione di Santa Maria di Galeria, si sono uniti in un grande respiro nel segno della speranza e della testimonianza”. Tra i partecipanti all'evento anche monsignor Lucio Adrian Ruiz, segretario del Dicastero, che ha sottolineato la portata missionaria della Radio Vaticana, strumento efficace per portare la Parola di Dio anche nelle periferie più estreme del mondo.

Mons. Lucio Adrian Ruiz: la Radio Vaticana è un luogo di missione

Inaugurato il "Disaster Recovery" intitolato a Marconi

In mattinata è stato anche inaugurato un piccolo locale tecnologico all'interno del centro, intitolato proprio a Guglielmo Marconi. Si tratta del cosiddetto “Disaster Recovery”, che custodirà una copia del patrimonio informativo digitale del Dicastero per la Comunicazione e degli enti accorpati, che è stato benedetto da monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze.

Mons. Marcelo Sanchez Sorondo: la grazia passa anche per la parola

Photogallery

International Marconi Day al centro trasmissioni della Radio Vaticana a Santa Maria di Galeria
24 aprile 2021, 15:41