Cerca

Vatican News
Hebdomada Papae, il notiziario in latino Hebdomada Papae, il notiziario in latino 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 7 novembre

Le notizie vaticane in lingua latina, con traduzione in italiano, anche in onda ogni domenica alle 17.30. In sommario oggi: all’udienza generale il Papa ricorda le vittime degli attentati di Nizza e Vienna; Francesco per la commemorazione dei defunti: la speranza nella vita eterna è un dono che solo il Signore può darci; l'appello del Pontefice per il Caucaso: basta spargimento di sangue innocente

                                                             “HEBDÓMADA PAPAE”
                                                     Notítiae Vaticánae Latíne rédditae
                                Die séptimo mensis Novémbris anno bismillésimo vicésimo


(TITOLI)

In audiéntia generáli Papa recordátur víctimas petitiónum Nicaeae et Vindobónae peractárum.

Papa Francíscus célebrat Missam in commemoratióne defunctórum: spes in vitam post mortem donum est quod solus Dóminus nobis concédere potest.

Admonítio Pontíficis pro Caucáso: desinátur effúsio sánguinis innocéntis.

Salútem plúrimam ómnibus vobis audiéntibus dicit Catharína Agorelius bene felicitérque sit vobis audiéntibus núntios latína lingua prolátos.

Ascolta l'edizione del Radiogiornale in lingua latina

(SERVIZI)

Dirae petitiónes, quae Európam sánguine perfudérunt a Nicaea usque ad Vindobónam atque cives qui eórum causa passi sunt, in memóriam revocáti sunt a Papa in audiéntia generáli die quarto mensis Novémbris hábita. Ágitur, ait Francíscus Papa, de “abominándis factis” qui in discrímen vócant diálogum pacíficum inter religiónes. Réfert nobis Alexánder De Carolis:

In salutatiónibus suis fidélibus Itálicis in audiéntia generáli die quarto mensis Novémbris hábita in Bibliothéca ex Aédibus Pontifíciis, Papa Francíscus recordátus est víctimas petitiónum diebus superióribus in quadam ecclésia Nicaeae et in viis Vindobónae peractárum. “His diébus oratiónis pro defúnctis, dixit Francíscus, recordáti sumus et recordámur étiam nunc víctimas inérmes tromocratíae, cuius exasperáta crudélitas in Európa diffúnditur”. Francísus Papa elátius expréssit haec facta violéntia minári “fratérnam sociátam óperam inter religiónes” in natiónibus quibus “cordi est pacem et diálogum cólere”. Póntifex mórtuos omnésque doléntes horum evéntuum cáusa misericórdiae Dei commísit.

In homília Missae pro fidélibus defúnctis die secúndo mensis Novémbris, in ecclésia Sanctae Maríae in Campo Sancto Teutónico celebrátae, Papa Francíscus assúmpsit sibi verba Iob atque recordátus est christiánam fidem certam vitae futúrae donum esse Dei gratúitum. Agit Olga Sakun:

In memória fidélium defunctórum die secúndo mensis Novémbris, Póntifex celebrávit Missam in ecclésia Pontifícii Collégii Teutónici in Civitáte Vaticána, ante oratiónem coram sepúlcris coemetérii, ac deínde coram sepúlcris Pontíficum defunctórum in Spécibus Vaticánis. Cor homíliae a Papa Francísco ad hoc hábitae fuit spes christiána in vitam futúram, “donum quoddam, affirmávit Papa, quod solum Dóminus nobis concédere potest, si ab Eo id pétimus”. In explanatióne verbórum prophétae Iob, Papa interpretátus est spem post mórtem, tempóribus laetítiae et dolóris vitae, quandam ‘ancóram’ esse, quae sensum vitae donat“.

(NEWS)

Post Salutatiónem Angélicam in Sollemnitáte Ómnium Sanctórum, Papa Francíscus íterum mentem suam convértit ad conflictiónem in actu in Caucáso. Póntifex apérte suam propinquitátem dixit íncolis qui hoc tristi casu percússi sunt, invítans omnes fidéles ad efflagitándam intercessiónem Sanctórum pro firma pace ista in regióne.

Documénto Motu próprio dato Authénticum charísmatis, die quarto mensis Novémbris édito, Papa mutávit normam Códicis Iuris Canónici qua necessárium fit iudícium Sedis Apostólicae in agnoscéndo novárum communitátum vitae consecrátae in quadam dioécesi. Háctenus huiúsmodi iudícium solum deliberatívum fuit.

Haec ómnia sunt pro hac editióne, conveniémus íterum hebdómada próxima.

                                                           

                                                             “HEBDOMADA PAPAE”
                                                 Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                                7 novembre 2020


(TITOLI)

All’udienza generale il Papa ricorda le vittime degli attentati di Nizza e Vienna.

La Messa di Francesco per la commemorazione dei defunti: la speranza nella vita dopo la morte è un dono che solo il Signore può darci.

Appello del Pontefice per il Caucaso: basta spargimento di sangue innocente.

Un cordiale buongiorno a tutti voi da Katarina Agorelius e ben ritrovati per questa edizione del notiziario in lingua latina.


(SERVIZI)

I gravi attentati che hanno insanguinato l'Europa da Nizza a Vienna e la popolazione che li ha subiti sono stati evocati dal Papa all'udienza generale del 4 novembre scorso: si tratta, ha detto, di "deprecabili eventi” che cercano di compromettere il dialogo pacifico tra le religioni. Ce ne parla Alessandro De Carolis.

Nei suoi saluti ai fedeli italiani all’udienza generale il 4 novembre dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, il Papa ha ricordato le vittime degli attentati degli ultimi giorni in una chiesa a Nizza e nelle strade di Vienna. “In questi giorni di preghiera per i defunti – ha detto – abbiamo ricordato e ricordiamo ancora le vittime inermi del terrorismo il cui inasprimento di crudeltà si sta diffondendo in Europa”. Francesco ha sottolineato che con questi eventi minano con la violenza “la collaborazione fraterna fra le religioni” nei Paesi che “hanno a cuore la pace e il dialogo”. Il Pontefice ha affidato alla misericordia di Dio i morti e tutti coloro che soffrono a causa di questi eventi.

Nell’omelia della Messa per la commemorazione dei fedeli defunti del 2 novembre, celebrata nella Chiesa del camposanto teutonico in Vaticano, Papa Francesco ha fatto sue le parole di Giobbe e ha ricordato che la certezza cristiana della vita nell'Aldilà è un "dono gratuito" di Dio. Il servizio a Olga Sakun:

Alla festa dei fedeli defunti il 2 novembre il Pontefice ha celebrato la Messa nella chiesa del Pontificio collegio teutonico in Vaticano, prima della preghiera davanti alle tombe del cimitero e poi davanti alle tombe dei Pontefici defunti nelle Grotte vaticane. Il cuore dell’omelia pronunciata a braccio da Francesco è stata la speranza cristiana della vita nell'Aldilà, “un dono – ha affermato – che solo il Signore può darci, se glielo chiediamo”. Nel commentare le parole del profeta Giobbe, il Papa ha ribadito che nei momenti di gioia e di dolore della vita la speranza dopo la morte è un’“àncora” che dà un senso alla vita.

(NEWS)

Dopo l’Angelus della Solennità di Tutti i Santi, Papa Francesco ha rivolto il suo pensiero ancora una volta al conflitto in atto nel Caucaso. Il Pontefice ha espresso vicinanza alla popolazione colpita da questo dramma, invitando tutti i fedeli a chiedere l’intercessione dei santi per una stabile pace nella regione.
Con il Motu proprio Authenticum charismatis, reso noto il 4 novembre scorso, il Papa ha modificato la norma del Diritto Canonico che rende vincolante il parere della Sede Apostolica nel riconoscimento di nuove comunità di vita consacrata in ambito diocesano. In passato tale parere era solo di tipo consultivo.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana.


 

07 novembre 2020, 12:40