Cerca

Vatican News
Hebdomada Papae, il notiziario in lingua latina Hebdomada Papae, il notiziario in lingua latina 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 10 ottobre

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. I titoli di oggi: Francesco all’udienza generale: servono cristiani coraggiosi. Il Papa nomina la Commissione Materie Riservate. E ancora: il Pontefice esorta, soprattutto in tempo di pandemia, a promuovere tutto ciò che può aiutare la persona umana e la società

                                                             “HEBDÓMADA PAPAE”
                                                     Notítiae Vaticánae Latíne rédditae
                                 Die décimo mensis Octóbris anno bismillésimo vicésimo


(TITOLI)

Francíscus in Audiéntia Generáli ait: opórtet sint Christiáni audáces.

Papa instítuit Commissiónem de Negótiis reservátis.

Póntifex exhortátur, praesértim témpore pestiléntiae, ut cuncta provehántur quae subsídium persónae humánae ac societáti férant.

Salútem plúrimam ómnibus vobis audiéntibus dicit Márius Galgano bene felicitérque sit vobis audiéntibus núntios latína lingua prolátos.

(SERVIZI)

In Audiéntia Generáli die séptimo mensis Octóbris hábita, Papa Francíscus íterum de oratióne lóquitur, post sériem curatiónis Creáto dicátam, in mundo pestiléntia vulneráto. Oráre, affírmat Papa, “non ídem est ac ánimam fucáre”, sed est “quǽdam cum Deo conspirátio” qui íncitat “ad frátribus inserviéndum”. Réfert nobis Alexánder De Cárolis:

“Opórtet spíritum Elíae habeámus”, hóminis vitae contemplatívae ac eódem témpore actívae, “cui est ánimus contra regem ac regínam pugnándi, póstquam hi Nabot necavérunt, ut víneam eius occupárent”. Sic in Audiéntia Generáli in Áula Páuli Sexti hábita, Papa rursus de oratióne disséruit, id excípiens quod hic prophéta est expértus. Ántequam catechésim incíperet, salútans fidéles praeséntes, Papa paulísper morátur cum quibúsdam sacerdótibus nuper ordinátis et cum aliquíbus capellánis cárcerum.

Papa Francíscus nominávit Prǽsidem ac Membra Commissiónis de Negótiis reservátis. Núntium dedit Offícium Communicatiónis Sanctae Sedis. “Summus Póntifex die undetricésimo mensis Septémbris, anno bis millésimo vicésimo, nominávit Prǽsidem Commissiónis de Negótiis reservátis Cardinálem Coëmgénum Farrell ac Secretárium Excellentíssimum Dóminum Philíppum Iannone. Elégit etiam Membra huius Commissiónis, Excellentíssimos Dóminos Ferdinándum Vérgez Alzaga et Núntium Galantinum ac Reveréndum Patrem Ioánnem Antónium Guerrero.” Agit Olga Sakun.

Haec erit Commíssio quae síngulis in cásibus státuet de quibus áctibus oeconómicae natúrae opus est cautéla adhibeátur. Ad intellegéndam significatiónem decréti, necésse est id consideráre, quod légitur in “Normis de perspicuitáte, inspectióne et contentióne pactórum publicórum Sanctae Sedis et Status Civitátis Vaticánae”, mense Iunio praetérito éditis. In articúlo quarto huius textus, qui a Papa probátus est ac bréviter definíri potest Codex conductiónum, diligéntius explicátum erat normárum applicatiónem respícere cuncta pacta pública, excéptis quibúsdam cásibus.

(NEWS)

Convéniens moderatóres et minístros Institúti “Depósitae pecúniae mutuandǽque Aerárii”, centum septuagínta annis elápsis a constitutióne huius Institúti itálici, Póntifex cohortátur, praesértim témpore pestiléntiae, ut “quaedam audácter suscipiántur et agántur in humánae persónae ac societátis benefícium”.

Die quarto Octóbris in Cavǽdio Sancti Dámasi in Civitáte Vaticána, iusiurándum dedérunt duodequadragínta mílites tirónes Cohórtis Helvéticae Pontifíciae. Adstábant solum próximi familiáres, qui sedébant seórsum et persónulas induébant, sine legatióne regiónis hospitális. Caeremónia státuit ut mílites tirónes pónant mánum laevam in vexíllo Cohórtis ac manus déxtera elevétur cum tribus dígitis apértis, secúndum sýmbolum Trinitátis.

Finis fit huius editiónis, conveniémus íterum hebdómada próxima.

 

                                                        “HEBDOMADA PAPAE”
                                               Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                            10 ottobre 2020

(TITOLI)
Francesco all’udienza generale: servono cristiani coraggiosi

Il Papa nomina la Commissione Materie Riservate

Il Pontefice esorta, soprattutto in tempo di pandemia, a promuovere tutto ciò che aiuti la persona umana e la società

Un cordiale buongiorno a tutti voi da Mario Galgano e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

All’udienza generale il 7 ottobre scorso, Papa Francesco riprende le catechesi sulla preghiera dopo il ciclo sulla cura del Creato nel mondo ferito dalla pandemia. Pregare, afferma, "non è per truccarsi l’anima" ma è "un confronto con Dio" che spinge "a servire i fratelli". Ce ne parla Alessandro De Carolis.

“Abbiamo bisogno dello spirito di Elia”, uomo di vita contemplativa e allo stesso tempo attiva, “capace di scagliarsi contro il re e la regina, dopo che questi avevano fatto uccidere Nabot per impossessarsi della sua vigna”. Così all’udienza generale in Aula Paolo VI, il Papa riprende le catechesi sulla preghiera ispirandosi all’esperienza di questo profeta. Prima di inziare la catechesi, il Papa salutando i pellegrini presenti, si è fermato per alcuni momenti con alcuni sacerdoti appena ordinati e con alcuni cappellani delle carceri

Papa Francesco ha nominato presidente e membri della Commissione Materie Riservate. Lo ha annunciato la Sala Stampa Vaticana. “Il Santo Padre in data 29 settembre 2020 ha nominato Presidente della Commissione di Materie Riservate il Cardinale Kevin Farrell e Segretario S.E. Mons. Filippo Iannone. Sono stati altresì nominati Membri di detta Commissione S.E. Mons. Fernando Vérgez Alzaga, S.E. Mons. Nunzio Galantino ed il Rev. P. Juan Antonio Guerrero”. Il servizo di Olga Sakun.

Sarà questa commissione a stabilire caso per caso su quali atti di natura economica è necessario mantenere la riservatezza. Per comprendere il significato della decisione bisogna infatti tornare a quanto si legge nelle “Norme sulla trasparenza, il controllo e la concorrenza dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano”, pubblicate nel giugno scorso. Nell’articolo 4 di quel testo approvato dal Papa – sinteticamente definibile Codice per gli appalti – era specificato che l’applicazione della normativa veniva applicata a tutti i contratti pubblici ad esclusione di alcuni casi.

(NEWS)

Incontrando i dirigenti e il personale dell’Istituto Cassa Depositi e Prestiti, a 170 anni dalla fondazione di questo istituto italiano, il Pontefice esorta, soprattutto in tempo di pandemia, a “percorrere con coraggio linee di intervento rispettose, promozionali della persona umana e della società”. Ricordando la nascita dell’Istituto Cassa Depositi e Prestiti, Francesco ricorda il compito e il “generoso impegno” al quale è stato chiamato.

Il 4 ottobre nel Cortile di San Damaso in Vaticano hanno prestato giuramento 38 nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia. Erano presenti Alla solo i familiari più stretti, seduti distanziati e muniti di mascherina, e senza la rappresentanza di alcun cantone ospite. La cerimonia prevede che le reclute pongano la mano sinistra sulla bandiera del Corpo e la mano destra alzata con tre dita aperte, a simbolo della Trinità.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana.

10 ottobre 2020, 12:40