Cerca

Vatican News
Povertà in Ucraina Povertà in Ucraina   (AFP or licensors)

Coronavirus in Ucraina: il sostegno di Aiuto alla Chiesa che soffre

Supporto ad una comunità che vive gravi difficoltà a causa del Covid-19. E’ l’impegno della fondazione pontificia che ha promosso tre progetti

Lisa Zengarini- Città del Vaticano

Tre iniziative a sostegno della Chiesa in Ucraina durante l'emergenza Coronavirus. A finanziarle l’opera di diritto pontificio “Aiuto alla Chiesa che Soffre” (Acs). Il primo progetto – riporta un comunicato della fondazione - consiste nella fornitura di strumenti di protezione personale per difendersi dal contagio diretti a 2.740 sacerdoti greco - cattolici e a circa un migliaio di membri delle congregazioni religiose. Con un secondo analogo progetto verranno sostenuti 738 sacerdoti e 92 seminaristi di rito latino. Acs ha poi approvato una terza iniziativa a favore di 150 religiose di 24 diverse comunità appartenenti alla diocesi di Kamyanets Podilskij. Tale diocesi sta infatti sperimentando notevoli difficoltà finanziarie che ostacolano la prosecuzione del grande lavoro svolto finora nelle parrocchie, negli orfanotrofi e negli ospedali. Alcune di queste 24 comunità dall’inizio della crisi sanitaria non registrano entrate. Il valore totale dei tre progetti approvati è pari a 165.400 euro.

In aiuto di un sistema sanitario debole

L’importanza di queste iniziative si comprende se si considera la situazione della sanità nel Paese. Nonostante i dati ufficiali relativi alla diffusione della Covid-19 siano relativamente contenuti, 25.964 casi confermati al 5 giugno e 762 decessi, i numeri reali sono decisamente più elevati. L’impossibilità di usare test affidabili causa, infatti, una sottostima dei contagi effettivi. Il sistema sanitario ucraino è complessivamente inadeguato e molti pazienti quando si recano in ospedale debbono portare con sé le proprie medicine, garze e materiale sanitario di base. In questo contesto i sacerdoti, pur nel rispetto delle misure di protezione personale, sono di fatto fra i più esposti al rischio di infezione. "Dall’inizio della pandemia tutti gli strumenti di protezione, dalle mascherine ai guanti e ai disinfettanti, sono diventati dieci volte più costosi, in alcuni casi anche oltre: spiega ad Acs don Mikolay Leskiv, sacerdote cattolico di rito latino di Czervonograd. “Ho acquistato anche mascherine per quei fedeli – aggiunge -  che non se le possono permettere, ma le nostre risorse sono molto limitate". Per questo i beneficiari dei tre progetti di Acs sperano che le forniture di materiale di protezione possano durare almeno fino ad agosto.

07 giugno 2020, 14:42