Cerca

Vatican News
 Notiziario in lingua latina Notiziario in lingua latina 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 7 marzo

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. In sommario oggi: Papa Francesco parla al clero di Roma a proposito delle amarezze della vita sacerdotale. All'Angelus Francesco raccomanda: con il diavolo non si dialoga. Gli Esercizi spirituali della Curia Romana ad Ariccia

                                                            “HEBDÓMADA PAPAE”
                                                  Notítiae Vaticánae Latíne rédditae
                               Die séptimo mensis Mártii anno bis millésimo vicésimo

Ascolta l'edizione del GR latino del 7 marzo 2020

(TITOLI)

Papa clero Dioécesis Romae ait: sacérdos non segregátur a céteris, sed in communióne cum pópulo suo vivit.

Francíscus in oratióne Mariana inquit: cum diábolo nunquam diálogus institúitur. Mónitus datur de migrántibus qui bellum fúgiunt.

Aríciae incípiunt exercitatiónes spirituáles pro Curia Romána. Papa, qui ex gravédine nárium labórat, exercítia in Ǽdibus Vaticánis proséquitur.
Ex imo corde ómnibus vobis audiéntibus salútem dicit Catharína Agorelius, quae hanc editiónem nuntiórum latína língua prolatórum praebet.

(SERVIZI)

Váriae sunt amaritúdines quas sacerdótes experíri póssunt, quorum vocátio est hómines esse reconciliatiónis. Sic allocútus est Papa suum clerum Dioécesis Romae, die Iovis vicésimo séptimo mensis Februárii, occasióne Litúrgiae paenitentiális in Basílica Lateranénsi celebrátae. Agit Alexánder De Carolis:

Nárium gravédinis causa ábsens, Francíscus commísit Cardináli Ángelo De Donatis lectiónem suárum cogitatiónum pro suéta litúrgia paenitentiáli, occasióne inítii Témporis Quadragésimae. Necésse est ut sacerdótes, affírmat Papa, persónae spei sint qui agnovérunt amaritúdines suas eásque effecérunt amóris Dei gratia. Póntifex palam significávit moméntum orándi in solitúdine, quod sacerdótem réspicit, qui vero númquam segregátur ab “ámbitu grátiae” et a pópulo suo. Pétimus a Dómino, conclúdit Papa, ut donet nobis virtútem “personárum quae reconciliántur et item reconcíliant, quae spe repléntur ac spem suppéditant”.

In oratióne angélica diéi primi mensis Mártii, Papa Francíscus recordátus est númquam oportére diálogum cum diábolo institúere. Invitávit tandem fidéles ad orándum pro natiónibus bellis vastátis et pro íis qui emigráre cogúntur. Réfert nobis Monia Parente:

Coram temptatiónibus Sátanae, via tutíssima est nobis calcánda. In oratióne angélica Papa Francíscus locútus est de temptatiónibus Iesu in desérto. “Ille qui credit, gráviter addídit Papa, scit Deum haud temptári posse, sed nos commíttere debémus éius benignitáti”. Temptatóri, qui praebet “polítici Messíae propósitum”, Iesus respóndet abíciens “idololátriam potestátis et glóriae humánae”.
Cum diábolo, íterum dixit Póntifex, nunquam diálogus est instituéndus. Post oratiónem “Ángelus Dómini”, Francíscus orávit pro illis communitátibus quae abdúctae sunt a suis locis, bellórum cáusa.

(NEWS)

Gravédo nárium, qua nonnúllis diébus labórat, obstítit quóminus Papa Aríciam una cum Cúria Romána se cónferret occasióne exercitiórum quadragesimálium. Francíscus ex cubículo suo in Domo Sanctae Marthae prosecútus est exercitatiónes spirituáles, quae a Patre Petro Bovati, sodále Societátis Iesu, praedicántur.

In núntio televisífico, die quinto mensis Februárii praetériti édito, Papa dicat intentiónem oratiónis, mense Mártio, unitáti Ecclésiae in Sinis, orans ut persevéret in Evangélii fidelitáte.

Póntifex invitávit cunctam universálem Ecclésiam ad incéptum participándum quod “Laudato sì hebdómada” appellátur, quodque habéndum est a die décimo sexto ad diem vicésimum quartum próximi ménsis Maii, cum celebrábitur quintus dies anniversárius Litterárum encyclicárum de commúni domo colénda atque respondébitur terrae et páuperum clamóri.

Haec ómnia sunt pro hac editióne, conveniémus íterum hebdómada próxima.

 

(ITALIANO)

                                                                         

                                                          “HEBDOMADA PAPAE”
                                                 Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                               7 marzo 2020

(TITOLI)

Il Papa al clero romano: un prete non si isola ma vive in comunione con la sua gente

Francesco all'Angelus: con il diavolo non si dialoga mai. Appello per i migranti in fuga dalle guerre

Ad Ariccia, gli Esercizi spirituali della Curia Romana. Il Papa, colpito da raffreddore, segue il ritiro dal vaticano

Un cordiale buongiorno a tutti voi in ascolto da Katarina Agorelius, che conduce questa edizione del notiziario in lingua latina.


(SERVIZI)

Sono diverse le amarezze che possono sperimentare i sacerdoti, la cui vocazione resta quella di essere uomini di riconciliazione, scrive il Papa nel discorso di giovedì 27 febbraio al clero romano in occasione della Liturgia penitenziale celebrata nella Basilica lateranense. Il servizio di Alessandro De Carolis:

Assente a causa di un raffreddore, Francesco ha affidato al cardinale vicario Angelo De Donatis la lettura dei suoi pensieri per tradizionale liturgia penitenziale di inizio Quaresima. I sacerdoti, afferma il Papa, devono essere persone di speranza che hanno riconosciuto le loro amarezze e le hanno trasformate grazie all’amore di Dio. Il Pontefice ha sottolineato l’importanza per un prete di stare in solitudine in preghiera, ma mai isolato dal “mondo di grazia” e dalla sua gente. Chiediamo al Signore – ha concluso –che ci doni la capacità di “essere persone riconciliate che riconciliano”, “piene di speranza che infondono speranza”.

All’Angelus del 1 marzo, Papa Francesco ha ricordato che non si deve mai entrare in dialogo con il diavolo. Al termine ha invitato i fedeli a pregare per le popolazioni colpite dalle guerre e costrette ad emigrare. Ce ne parla Monia Parente:

Di fronte alle seduzioni di satana, c’è una via maestra da seguire. All’Angelus Papa Francesco ha parlato delle tentazioni di Gesù nel deserto. “Chi crede - ha sottolineato - sa che Dio non lo si mette alla prova, ma ci si affida alla sua bontà”. Al maligno che offre “una prospettiva di messianismo politico”, Gesù reagisce respingendo “l’idolatria del potere e della gloria umana”. Con il diavolo, ha ripetuto il Pontefice, non dialoga con il diavolo. Dopo la preghiera mariana, Francesco ha pregato per le tante comunità che sono cacciate dalle loro terre a causa dei conflitti.

(NEWS)

Il raffreddore che sta curando da giorni ha impedito al Papa di recarsi ad Ariccia con la Curia Romana per il consueto ritiro quaresimale. Francesco ha seguito dalla sua camera a Santa Marta gli Esercizi spirituali predicati dal gesuita padre Pietro Bovati.
In un videomessaggio, reso noto il 5 febbraio scorso, il Papa dedica l’intenzione di preghiera del mese di marzo all’unità della Chiesa in Cina, pregando perché perseveri nella sua fedeltà al Vangelo.
Il Pontefice ha invitato tutta la Chiesa universale all’iniziativa chiamato "Laudato si' Week" e che si terrà dal 16 al 24 maggio prossimo per celebrare il quinto anniversario dell’Enciclica sulla cura del creato e per rispondere al grido della terra e dei poveri.

È tutto per questa edizione, a risentirci alla prossima settimana.

07 marzo 2020, 12:40