Cerca

Vatican News
Il radiogiornale in latino Il radiogiornale in latino 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 28 settembre

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle ore 12.32. In sommario oggi: il videomessaggio sul clima inviato da Papa Francesco alle Nazioni Unite, l'incontro con il Dicastero per la comunicazione e le visite del Pontefice ad Albano e alla comunità "Nuovi Orizzonti" di Frosinone. Il settimanale di informazione di 5 minuti - in collaborazione con l’Ufficio Lettere Latine della Segreteria di Stato - è diffuso anche in podcast su Vatican News

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

Die undetricésimo mensis Septembris anno bis millésimo undevicésimo

Ascolta l'edizione del radiogiornale in latino (28-09-2019)

Papa de caeli statu ad Natiónes Unítas: «Date óperam cum probitáte, audácia et consciéntiae obligatióne»

Séssio Plenária Dicastérii pro Communicatióne: «Summa communicatio caritas est».

Francíscus Papa visitávit Albánum et communitátem Frusinátem «Novi Horizóntes».

Ómnibus vobis salútem ex corde dicit Eugénius Murrali: salvéte omnes, qui hanc novam editiónem audítis nuntiórum lingua latína prolatórum.

(SERVIZI)

Die vicésimo tértio septémbris, per televisíficum nuntium Papa Franciscus adhortátus est partícipes Conferentiae Generalis anni bis millésimi undevicésimi de Agéndo pro Caeli Statu, ut eniteréntur in orbe salvándo: Conferéntiam, quae coróna fuit Conséssus Generális Natiónum Unitárum Novi Eboráci hábiti, participávit Secretárius Status Vaticáni Petrus Parolin. Evéntus refert Monia Parente:

Próbitas, audácia, consciéntiae obligátio: haec sunt verba praecípua – ad Papae senténtiam – quibus opórtet de immutatiónibus ad caeli statum attinéntibus ágere, ántequam sérius factum est. «Licet res bonae non sint et orbis ex hoc labóret, lumen tamen ad expediméntum patet adhuc. Adhuc. Áliquid témporis enim nobis súppetit adhuc. Ne sinámus ergo lumen illud defíciat» dixit Summus Póntifex et, appéllans Litteras Encyclicas Laudato si’, adiúnxit: «Probitáte, consciéntiae obligatióne et audácia nobis est adhibénda intellegéntia nostra, ‘ut insérviat alteríus géneris progressióni, sanióri, magis humánae, sociáli integrque’, quae váleat oeconómiam ministráre humanae persónae, aedificáre pacem et ámbitum protégere»

Féria secúnda novíssima, Summus Póntifex convénit Superióres et Officiáles Dicastérii pro Communicatióne atque expósuit quae ei «cordi sunt quoad communicatiónem». Singulária refert Amadus Lomonaco:

Post salutatiónes quas Praeféctus Páulus Ruffini ad Papam réttulit, Summus Póntifex iniússis verbis grátias egit magnae famíliae, quae Dicastério Vaticáno dat óperam, enarravítque communicatiónem esse «non opus offícii, sicut esse possunt pública revocámina […] Communicáre seípsum revéra est de Substántia Dei súmere eiusdémque habére vultum; est in solitúdine haud residére; est necéssitas effundéndi quod hábeo et cógito esse verum, iustum, bonum et pulchrum». Communicátor authénticus seípsum omníno dat, seípsum omníno offert in communicándo, sibi non parcit. Summa autem communicátio – in promptu pósuit Francíscus – cáritas est. Atque adiécit: Unamquámque rem quam fácimus testimónio nostro subscríbimus. […] Hoc est adiúnctum martýrii nostrae vocatiónis: testes esse».

(NEWS)

Superióribus diébus, Póntifex duas fecit visitatiónes insígnes: priórem apud communitátem Albanénsem in Látio, ubi recordátus est Ecclésiam locum esse occúrsus cum misericórdia Dei; álteram vero, ómnibus ínsciis, apud Arcem Caeli, quae dícitur, communitátis «Novi Horizóntes» Frusinátis: hic testimónia audívit iúvenum, qui servitútes suas superavérunt, ac Missam celebrávit cum sodálibus communitátis.

Papa Franciscus convénit in Vaticáno Cardinálem Reinhárdum Marx, Prsidem Episcopórum Germániae, et Cardinálem Marcum Ouellet, Praeféctum Congregatiónis pro Epíscopis, ad summas recenséndas quaestiónes próximae Sýnodi Ecclésiae in Germánia. Notória Conferéntiae Episcopórum Germániae diálogum hunc dixit «salutárem».

Haec ómnia sunt pro hac editióne. Grátias ágimus pro attentióne: íterum conveniémus hebdómada próxima.

(ITALIANO)

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

28 settembre 2019

Il Papa sul clima alle Nazioni Unite: “Lavorate con onestà, coraggio e responsabilità”

Assemblea plenaria del Dicastero per la comunicazione: “La comunicazione più grande è l’amore”

Visite di Papa Francesco ad Albano e alla comunità “Nuovi Orizzonti” di Frosinone

Un cordiale saluto a tutti voi in ascolto da Eugenio Murrali e bentrovati per questa nuova edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

Il 23 settembre, Papa Francesco con un videomessaggio ha incoraggiato a impegnarsi per salvare il pianeta i partecipanti del "Climate Action Summit 2019", che si tiene a margine dell’Assemblea Generale dell'Onu di New York, cui ha preso parte il Segretario di Stato vaticano Parolin. Il servizio di Monia Parente.

Onestà, coraggio, responsabilità. Sono le parole chiave, secondo il Papa, per affrontare i cambiamenti climatici prima che sia troppo tardi. “Anche se la situazione non è buona e il pianeta ne soffre, la finestra per un’opportunità è ancora aperta. Ancora. Ancora siamo in tempo. Non lasciamo che si chiuda”, ha detto il Pontefice e ha aggiunto, riprendendo la “Laudato si’”: “Con onestà, responsabilità e coraggio dobbiamo mettere la nostra intelligenza ‘al servizio di un altro tipo di progresso, più sano, più umano, più sociale e più integrale’, che sia capace di mettere l'economia al servizio della persona umana, di costruire la pace e di proteggere l'ambiente”.

Lunedì scorso il Pontefice ha incontrato dirigenti e personale del Dicastero per la Comunicazione nella Sala Regia in Vaticano e ha espresso ciò che ha “nel cuore sulla comunicazione” . I particolari di Amedeo Lomonaco

Dopo il saluto rivolto al Papa dal prefetto Paolo Ruffini, il Pontefice ha ringraziato con parole spontanee la grande famiglia impegnata nel Dicastero vaticano e ha spiegato che la comunicazione “non è un lavoro di ufficio, come la pubblicità […] Comunicarsi è proprio prendere dall’Essere di Dio e avere lo stesso atteggiamento; non poter rimanere da soli: il bisogno di comunicare quello che ho io e penso che sia il vero, il giusto, il buono e il bello”. Il vero comunicatore dà tutto se stesso, mette tutto se stesso nel comunicare, non si risparmia. Ma la comunicazione più grande, sottolinea Francesco, è l'amore. E ha aggiunto: “C’è sempre la firma della testimonianza in ognuna delle cose che noi facciamo. […] E’ questa la dimensione martiriale della nostra vocazione: essere testimoni”.

(NEWS)

Nei giorni scorsi il Pontefice ha avuto due visite molto significative. La prima con la comunità di Albano Laziale, dove ha ricordato che la Chiesa è il luogo in cui incontrare l’amore di Dio. La  seconda, a sorpresa, alla Cittadella Cielo della comunità Nuovi Orizzonti a Frosinone. Qui ha ascoltato le testimonianze dei ragazzi che hanno superato le loro dipendenze e ha celebrato la Messa con i membri della comunità.

Papa Francesco ha incontrato in Vaticano il cardinale Reinhard Marx, presidente dei vescovi tedeschi, e il prefetto della Congregazione per i vescovi, il cardinale Marc Ouellet, per riflettere sulle questioni centrali del prossimo Sinodo della Chiesa tedesca. Un comunicato stampa della Conferenza episcopale della Germania ha definito questo dialogo “costruttivo”.

È tutto per questa edizione, grazie per essere stati in ascolto, a risentirci alla prossima settimana.

28 settembre 2019, 12:40