Cerca

Vatican News
Bambini palestinesi Bambini palestinesi  (AFP or licensors)

Mons. Auza: una soluzione duratura per i rifugiati palestinesi

Nel suo intervento ieri a New York in occasione della Conferenza dei donatori dell’Unrwa, l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati palestinesi, mons. Bernardito Auza, Osservatore permanente della Santa Sede presso l'Onu, ha annunciato lo stanziamento di 40mila dollari a favore dei bambini che vivono nei campi profughi palestinesi

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Parole di ringraziamento per l’Unrwa, l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati palestinesi, sono venute ieri a New York da mons. Bernardino Auza, Osservatore permanente della Santa Sede all'Onu, nel corso del suo intervento alla Conferenza dei donatori. L’arcivescovo ha parlato del lavoro che l’agenzia Onu svolge in favore dei profughi “fornendo loro i bisogni umani più elementari come l'istruzione, l'assistenza sanitaria, i servizi sociali e gli alloggi”.

A cuore il futuro dei giovani

Ricordando che “la situazione non mostra segni di rapida soluzione”, la Santa Sede ha posto attenzione sulla “preoccupante mancanza di orizzonte, in particolare per i giovani”, che “potrebbe contribuire ad un ulteriore degrado della situazione della sicurezza nella regione”. Per questo motivo, “oltre ai contributi diretti a favore dei profughi palestinesi attraverso il lavoro di varie entità della Chiesa cattolica, vorrebbe – ha spiegato mons. Auza - dare un modesto contributo di 40mila dollari ai progetti dell'Agenzia, in particolare a favore dei bambini nei campi profughi palestinesi”.

Ripartano i negoziati tra Israele e Palestina

L’Osservatore ha spiegato che “come l’Unrwa, diverse entità e organizzazioni della Chiesa cattolica forniscono istruzione, assistenza sanitaria e servizi sociali ai rifugiati palestinesi”, grazie ai “generosi donatori associati alla Chiesa cattolica in tutto il mondo” con programmi di assistenza diretti anche ai palestinesi in Palestina. Una raccolta fondi che fornisce “migliaia di borse di studio universitarie e cure mediche sovvenzionate o gratuite presso l'Ospedale della Sacra Famiglia di Betlemme”. “La Santa Sede – ha concluso mons. Auza - spera che, presto o tardi, si possa raggiungere una soluzione equa e duratura alla loro situazione, attraverso la ripresa dei negoziati sullo status finale tra le parti interessate, con Israele e uno Stato palestinese, che vivono fianco a fianco in pace e sicurezza all'interno di confini internazionalmente riconosciuti”. 

26 giugno 2019, 11:16