Versione Beta

Cerca

Vatican News

Ai Musei Vaticani il confronto sulla conservazione preventiva delle opere d’arte

Strategie di confronto tra i direttori dei maggiori musei del mondo come il Louvre, l’Hermitage, il Prado per la conservazione preventiva delle opere d’arte. E’ l’importante convegno internazionale di oggi ai Musei Vaticani

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Una riflessione ad alto livello sulla gestione del turismo di massa, della conservazione del patrimonio di opere d’arte che i musei di tutto il mondo custodiscono come veri e propri scrigni di bellezza. Un confronto tra esperti, studiosi, direttori di musei che è andato in scena nel Braccio Nuovo dei Musei Vaticani. Una giornata di studio sul tema: “La conservazione preventiva nei grandi musei. Strategie a confronto”.

Jatta: preservare e condividere

I Musei Vaticani ospitano ogni anno più di sei milioni di visitatori e pertanto diventa sempre più urgente portare avanti una filosofia di conservazione preventiva delle opere. In tal senso – ha ricordato Barbara Jatta, direttore dei Musei Vaticani – si è adottato un sistema a più corsie dove accanto alla tradizionale attività di restauro si registra la regolare manutenzione delle collezioni, degli allestimenti e degli impianti. Fondamentale resta preservare le opere d’arte, tenendole lontani da pericoli mediante interventi opportuni, ma anche condividere che significa collaborare e comunicare con gli altri, aprendosi al confronto e all’esterno.

Jatta: nuove vie per la conservazione del patrimonio artistico

Settis: la conservazione preventiva, “la buona salute” delle opere

“Non siamo padroni del nostro patrimonio culturale – ha sottolineato Salvatore Settis, illustre studioso e responsabile di autorevoli incarichi internazionali – ma i suoi custodi in nome e per conto delle generazioni future”.

Settis: lavorare per conto delle generazioni future

 

 

12 ottobre 2018, 14:08