Versione Beta

Cerca

Vatican News
Monitoraggio posizione della nave Aquarius con a bordo 629 migranti Monitoraggio posizione della nave Aquarius con a bordo 629 migranti  (ANSA)

Vaticano: Colloquio sulla migrazione internazionale

Sul fenomeno migrazione, l'atteggiamento allarmista ed esasperato dei mass media mondiali non migliora la percezione dell’opinione pubblica e non rende un buon servizio alla verità. Ne abbiamo parlato con Paola Springhetti che giovedì prossimo parteciperà al Colloquio sulla migrazione internazionale Santa Sede-Messico

Emanuela Campanile e Fabio Colagrande - Città del Vaticano

Sul fenomeno migrazione "abbiamo un'informazione fortemente discriminatoria e allarmistica" a livello non solo nazionale ma internazionale. Lo afferma Paola Springhetti, docente presso la facoltà di Scienze della Comunicazione all'università Salesiana di Roma. "L'argomento migrazione - aggiunge - è vissuto dai cittadini non come un tema ma come un problema" mentre è necessario restituire verità all'argomento. (Ascolta l'intervista a Paola Springhetti su informazione e migrazione)

Il Colloquio sulla Migrazione Internazionale

Proprio "Migrazione internazionale e mezzi di comunicazione alla luce del Patto Globale", la discussione a cui Springhetti interverrà, sarà uno degli argomenti trattati giovedì prossimo presso la Casina Pio IV, in Vaticano, in occasione dell' incontro "Colloquio sulla migrazione internazionale Santa Sede-Messico". Organizzato dalla Segreteria per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato, l'Ambasciata del Messico presso la Santa Sede, con la collaborazione della Pontificia Accademia delle Scienze e della sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo umano integrale, all'evento parteciperanno come relatori il card. Pietro Parolin e mons. Paul Gallagher.

Papa Francesco

Il Colloquio, che fa seguito a quello del luglio 2014 su "Migrazione internazionale e sviluppo", organizzato presso la Cancelleria messicana, intende rispondere all'interesse che i due Stati - Messico e Santa Sede -  attribuiscono a questo fenomeno globale. Si  vuole anche dare seguito all’impegno costantemente dimostrato da Papa Francesco.

I temi

Riflettendo riguardo la dimensione umana della migrazione nel contesto mondiale e sul fenomeno migratorio nella storia dei popoli, saranno diversi gli argomenti che verrano affrontati: dall'implicazione del Patto Globale per una migrazione sicura all'informazione in merito. Lo scopo dell'iniziativa è quello di restituire la dignità ai migranti proteggendo i loro diritti ed informare correttamente per migliorare così la percezione dell’opinione pubblica. Intenzione degli organizzatori è anche quello di far riconoscere il contributo della Chiesa Cattolica e della società civile nelle iniziative di accoglienza e di accompagnamento dei migranti. 

 

13 giugno 2018, 08:30