Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Un'immagine di Gerusalemme Un'immagine di Gerusalemme  (AFP or licensors)

Card. Tauran: su Gerusalemme, dialogo prosegua a tutti i livelli

Il presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, in un’intervista all’Osservatore Romano, ricorda l'impegno del Papa nel sottolineare l’importanza del rispetto reciproco con i fedeli di altre tradizioni

Il dialogo “deve proseguire a tutti i livelli”. Così il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, riflettendo in un’intervista all’Osservatore Romano sulla cosiddetta “questione Gerusalemme”, dopo le recenti scelte dell’amministrazione Trump che hanno riacuito tensioni mai sopite nella città santa.

 

Promuovere spazi di sincero dialogo

 

Tracciando un bilancio delle attività svolte dal dicastero, il porporato sottolinea che, “nonostante” le posizioni a volte possano sembrare distanti, è necessario “promuovere spazi di sincero dialogo”. “Malgré tout, malgrado tutto, noi - prosegue - siamo convintissimi che si può vivere insieme”.

 

L’esortazione di Papa Francesco

 

A dimostrarlo è Papa Francesco, “che quotidianamente continua a sottolineare l’importanza del rispetto reciproco con i fedeli di altre tradizioni”: “non solo con l’islam, ma anche per esempio con i buddisti, come ha fatto durante il recente viaggio in Asia”. Perché “è possibile convivere”, nella convinzione che “l’amore è la sola forza capace di rendere il mondo un luogo migliore per tutti”.

28 dicembre 2017, 17:07