Cerca

Vatican News

Missioni possibili

Sono oltre 40mila le famiglie in Italia che affrontano la Paralisi Cerebrale Infantile (PCI): ogni 500 neonati, uno è colpito da questa patologia neuromotoria che impedisce progressivamente i movimenti più elementari di tutto il corpo. Da 17 anni Fondazione Ariel è a fianco di queste famiglie per fornire supporto psicologico e sociale, formazione medica e psicopedagogica, orientamento ai servizi; per promuovere la ricerca scientifica; per proporre attività di condivisione e animazione per uscire dall’isolamento.

Ai nostri microfoni lideatore e direttore scientifico di Fondazione Ariel Nicola Portinaro, professore presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano, illustra il progetto "Intorno a noi",  volto al sostegno di tutta la famiglia dove nasce e cresce un bambino con PCI. L’arrivo di un bambino con una patologia neuromotoria trasforma infatti l’intera vita familiare, costringendo improvvisamente genitori, fratelli, nonni e tutta la rete parentale e amicale a fare i conti con nuovi equilibri interni e nuove dinamiche quotidiane, uniti spesso a sensi di colpa e inadeguatezza. È per questo che nel sistema di cura dei bambini con PCI è vitale affiancare alla cura terapeutica - fatta di visite ed esami medici, interventi chirurgici e riabilitazione - il sostegno psicologico e sociale a tutti i componenti della famiglia, soprattutto al momento della diagnosi e nei primi anni di vita.

 

Per tutto il fine settimana i volontari della Fondazione Mission Bambini, in collaborazione con Fondazione Mediolanum saranno presenti in 70 piazze di tutta Italia, distribuendo al pubblico, in cambio di una piccola donazione, la matita Perpetua realizzata in edizione speciale.  

Perpetua è una matita unica nel suo genere, composta all’80% da grafite riciclata, è atossica e non sporca le mani, senza aggiunta di alcuna vernice protettiva o lavorazione successiva. Se cade non si rompe, si tempera normalmente, scrive anche se rimane senza punta o si taglia in due e ha una gomma alimentare che forma un corpo unico con la parte scrivente.

I fondi raccolti grazie all’iniziativa serviranno a organizzare corsi di formazione dedicati a educatori e insegnanti e supporto psicologico ai bambini e alle famiglie per affrontare al meglio il rientro a scuola dopo i mesi difficili dell’emergenza sanitaria. I fondi saranno inoltre destinati all’acquisto di strumentazione informatica per la didattica tradizionale e digitale.

Nostro ospite Alex Gusella, portavoce di Fondazione Mission bambini

20 ottobre 2020