Cerca

Vatican News

Volontariato e no profit in tempo del Coronavirus e l'azione di Terre des hommes

Anche in questo momento di emergenza nazionale, migliaia di persone fragili vivono in case famiglia, nelle comunità alloggio e sono centinaia gli operatori sociali che stanno portando avanti il proprio lavoro con forza, consapevolezza e, sicuramente, a meno di un metro di distanza.

In piena pandemia Covid- 19, si i prendono cura delle persone con disabilità, di minorenni, di madri con i figli in condizioni di fragilità, di anziani, di persone senza fissa dimora. Tuttavia c'è bisogno per tutti loro dell'attenzione da parte delle istituzuoni ed è questo  il senso dell’appello congiunto #AMenoDiUnMetro presentato ai nostri microfoni da  Antonio Finazzi Agrò,  portavoce di Casa al Plurale e della Rete delle strutture e dei servizi per nuclei vulnerabili mamme-bambino.

 

Con l’aumento dei ricoverati per COVID-19 si affaccia una nuova emergenza: quella dei bambini. Bambini rimasti senza un adulto di riferimento perché i genitori sono stati ricoverati. Ma anche bambini in ospedale a causa della malattia.

Terre des Hommes, insieme alla Fondazione Geronimo Stilton, dopo aver collaborato per sostenere la Fondazione per l’Ospedale dei bambini Buzzi nella donazione di un primo ventilatore polmonare, hanno deciso di avviare una raccolta fondi per sostenere due progetti prioritari.

Ne parliamo insieme col Direttore generale di Terre des hommes, Paolo Ferrara, il quale presenta inoltre  il decalogo di buone prassi per dare il giusto sostegno psicologico a tutti i genitori che si trovano ad affrontare l’emergenza Coronavirus in casa con i propri figli.

07 aprile 2020