Cerca

Vatican News

L'emergenza covid getta in strada cittadini fragili: Il caso di Milano e l’azione di Caritas - prima parte

Già due mesì fa alcuni dati rendevano la gravità del disagio abitativo in cui sono cadute molte famiglie italiane dopo lo stop da quarantena che ha rosicchiato redditi e risparmi. Una famiglia su 4, ci diceva Federcasa, Federazione italiana delle case popolari e dell’edilizia sociale, era in difficoltà a versare il canone di locazione, il 40% prevedeva di non farcela il prossimo anno. Dati che si affiancano a quelli resi noti dalla Banca d'Italia: il 38% delle famiglie italiane in difficoltà a pagare la rata del mutuo della casa, della prima casa, quella in cui si vive. Senza contare le morosità sulle spese di condominio: in testa alla classifica c'è  Bologna, con un quasi 34 % in più di morosità nel primo semestre di quest'anno, seguita da Roma, Napoli, Torino, Milano (30%) (Catania, Firenze,  Genova, Cagliari, Palermo, Bari, Padova e Venezia). Una crisi fulminante che ha toccato anche chi prima dello stop forzato alle attività produttive, non la conosceva. In questi mesi a lanciare vari allarmi e appelli sul capitolo casa, sono state l'Unione Nazionale Inquilini, ma anche molte organizzazioni di sostegno alla povertà, fra cui spicca in questi giorni la Caritas Ambrosiana sulla città di Milano. 

Con noi: 

Luciano Gualzetti - Direttore Caritas Ambrosiana

Marco Bussone -
Presidente Uncem

Conduce: Paola Simonetti  

30 settembre 2020