Cerca

Vatican News

Benedetto XVI in Germania accanto al fratello ammalato. La storia di Eugenio che grazie alla famiglia, con fede e aiutato dalla passione per il basket, lotta contro un tumore - 18.06.2020

Benedetto XVI è in Germania, a Regensburg, per essere accanto al fratello Georg, 96 enne, ammalato. Con Joseph Ratzinger, anche monsignor Gaenswein, il vicecomandante del Corpo della Gendarmeria vaticana, e un piccolo gruppo di sanitari e collaboratori. Il Papa emerito, informa un comunicato della diocesi di Regensburg, è atterrato a Monaco di Baviera verso le 11.45 di giovedì 18 giugno 2020, ed è stato accolto dal vescovo Rudolf Voderholzer che lo ha accompagnato a Regensburg. Benedetto XVI che, secondo quanto dichiarato dalla Sala Stampa vaticana, si tratterrà in Germania "il tempo necessario" e soggiornerà nel seminario della diocesi di Regensburg. La stessa diocesi ha invitato i fedeli a rispettare il momento e, secondo il desiderio dei due fratelli, a "lasciare che questo incontro profondamente personale rimanga privato" senza apparizioni pubbliche.

La storia di Eugenio Ruberto, 14 anni di Dragoni, in provincia di Caserta, esame di terza media affrontato il 18 giugno con successo, è la storia di un sogno molto comune tra i ragazzi: viaggiare e farlo in camper. Al suo fianco una famiglia che sta cercando di fare di tutto per realizzarlo. Nella storia di Eugenio c’è anche un mondo di parenti, vicinato, amici che si stanno muovendo per lui che è un ragazzo in gamba, appassionato di basket, studioso, impegnato in parrocchia. La fede è linfa vitale per questa famiglia che da settembre scorso combatte con una grave malattia di Eugenio, oggi in cura sperimentale al Bambino Gesù di Roma.  Alla malattia spesso si risponde con la chiusura, Remigio, il papà di Eugenio, ha scelto la strada del racconto. Ha un sito, https://www.eugenioruberto.it/,  nel quale posta i suoi pensieri, racconta passo passo le terapie, le giornate passate a Roma, quelle trascorse a casa. Sul blog si possono trovare tutte le indicazioni per aiutare a portare avanti il sogno di Eugenio. 

In molte regioni italiane calano sempre di più i dati dei contagi da Coronavirus, mentre si fermano solo in parte i nuovi casi in Lombardia. In un periodo difficile, le Residenze Sanitarie Assistite della regione Lombardia sono state coinvolte in prima linea nella lotta contro il Covid-19, con momenti drammatici sia dal punto di vista medico, umano, ed anche legale. Tra di loro la Fondazione Don Gnocchi. 

Con noi: 

Andrea Tornielli, Direttore editoriale Dicastero per la Comunicazione; 

Remigio Ruberto, padre di Eugenio Ruberto, 14 anni,  che lotta con la famiglia, la fede e il basket contro il cancro; 

don Vincenzo Barbante, presidente Fondazione Don Gnocchi; 

Conduce: Luca Collodi 

interviste di Benedetta Capelli (Remigio Ruberto ) e Marina Tomarro (don Vincenzo Barbante)

18 giugno 2020