Cerca

Vatican News

Angelus 30 maggio 2021

Adriana Masotti - Città del Vaticano

Al centro della riflessione di Papa Francesco all'Angelus la solennità liturgica celebrata oggi dalla Chiesa. "La Santissima Trinità è il mistero di un unico Dio, e questo Dio è in tre Persone: Ma Dio è uno!", afferma Papa Francesco iniziando la sua riflessione. Quindi prosegue spiegando ancora: "Il Padre è Dio, il Figlio è Dio, lo Spirito è Dio. Ma non sono tre dei: è un solo Dio e tre Persone. (...) E questo parla al nostro cuore, perché lo troviamo, questo mistero, racchiuso in quell’espressione di San Giovanni che riassume tutta la rivelazione: “Dio è amore”. Il Padre è amore, il Figlio è amore, lo Spirito Santo è amore. In quanto è amore, Dio non è dunque solitudine, afferma ancora il Papa, "ma comunione fra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. L’amore, infatti, è essenzialmente dono di sé". "Non è facile da capire, continua Francesco, ma si può vivere questo mistero, tutti noi, si può vivere tanto". E ricorda che nell’annunciare il Vangelo non si può prescindere dall'unità tra noi cristiani chiesta da Gesù al Padre. Afferma: "La bellezza del Vangelo richiede di essere vissuta – l’unità – e testimoniata nella concordia tra noi, che siamo così diversi! E questa unità io oso dire che è essenziale al cristiano: non è un atteggiamento, un modo di dire: no. E’ essenziale".

30 maggio 2021