Cerca

Vatican News
L'incendio che ha distrutto il reparto Covid dell'ospedale di Nassiriya L'incendio che ha distrutto il reparto Covid dell'ospedale di Nassiriya  (AFP or licensors)

Il cordoglio del Papa per le vittime dell'incendio in Iraq

Molto rattristato e vicino spiritualmente a quanti sono stati colpiti dall'incendio che si è sviluppato ieri nel reparto Covid dell’ospedale nella città meridionale di Nassiriya: così si è detto Papa Francesco in un telegramma inviato al nunzio apostolico del Paese mediorientale. Almeno 92 le vittime tra i pazienti. All'origine dell'incendio lo scoppio di una bombola d'ossigeno

Giancarlo La Vella e Adriana Masotti - Città del Vaticano

La vicinanza di Papa Francesco alle vittime di una tragedia che rilancia drammaticamente il tema delle difficoltà con cui la pandemia di coronavirus viene affrontata nei Paesi più vulnerabili. Si tratta dell'incendio, probabilmente causato dall’esplosione di una bombola di ossigeno, che si è sviluppato ieri nel Covid Hospital al-Hussein di Nassiriya, causando la morte, secondo un bilancio ancora provvisorio, di 92 persone ricoverate. Almeno 100 i feriti. In un telegramma a firma del segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, inviato al nunzio apostolico in Iraq, monsignor Mitja Leskovar, il Papa "invia l'assicurazione della sua vicinanza spirituale a tutti coloro che sono stati colpiti dal tragico incendio". " Profondamente rattristato - si legge ancora -, prega specialmente per coloro che sono morti e per il conforto delle loro famiglie e degli amici che piangono la loro perdita. Sui pazienti, il personale e gli assistenti invoca le benedizioni di Dio di consolazione, forza e pace".

Le accuse del presidente Salih

“Corruzione” e “cattiva gestione”. Questi i motivi della nuova tragedia secondo il presidente iracheno Barham Salih. Quanto avvenuto, secondo il capo dello Stato, “è il prodotto della corruzione persistente e della cattiva gestione che sottovaluta la vita degli iracheni e impedisce una riforma delle istituzioni”, ha scritto in un tweet Salih, che chiede un’inchiesta, affinché i responsabili di "negligenza rispondano di quanto avvenuto".

A Nassiriya come a Baghdad

Il presidente ha anche chiesto la riforma urgente dell’operato delle istituzioni in particolare quelle che operano nella gestione del settore sanitari. Poi Salih ha ricordato anche l'incendio avvenuto nell’aprile scorso in un ospedale di Baghdad, nel quale perirono 82 persone e altre 110 rimasero ferite. La tragedia aveva innescato forti proteste che portarono alle dimissioni il ministro della Salute, Hasan al-Tamimi.

Ancora incerte le cause

Dopo l’accaduto, decine di persone di Nassiriya continuano a chiedere notizie dei propri cari che erano ricoverati nell’ospedale nel quale si è sviluppato l’incendio. Polizia e autorità della locale Protezione civile hanno dichiarato che l'incendio sarebbe iniziato quando le scintille di un cablaggio difettoso si sono diffuse in una bombola di ossigeno che è poi esplosa. Tra le prime misure adottate, il premier Mustafa al-Kadhimi ha sospeso il capo del dipartimento della Salute di Dhi Qar, il direttore sanitario dell'ospedale e il capo della Protezione civile.

13 luglio 2021, 14:53