Cerca

Vatican News
Robert Schuman (1886-1963), padre fondatore dell'Europa e primo presidente del parlamento europeo Robert Schuman (1886-1963), padre fondatore dell'Europa e primo presidente del parlamento europeo  

Diventa Venerabile Robert Schuman, padre dell’unità europea

Il Papa ha autorizzato a promulgare il Decreto che riconosce le virtù eroiche dello statista francese. Col riconoscimento del martirio, saranno beatificate 10 religiose uccise in Polonia dai soldati sovietici alla fine della seconda guerra mondiale

Alessandro De Carolis – Città del Vaticano

Una materia prima, una lega ferrosa e l’intuizione politica di un politico la cui anima non coincide con la sagoma delle sue tasche. Con la combinazione di questi elementi si può costruire perfino l’unità di un continente ed è così che il politico con l’anima grande, Robert Schuman, getta le fondamenta dell’Europa unita: usando la materia prima del carbone e una lega ferrosa come l’acciaio. Sono le 16.00 del 9 maggio del ‘50 quando l’allora ministro degli Esteri francese lancia l’idea che ribalterà in pochi mesi lo status quo: mettere la produzione franco-tedesca del carbone e dell’acciaio sotto una autorità sovranazionale aperta all’adesione di altri Stati. Lo scopo? Togliere dalle spalle dell’Europa postbellica il peso di una guerra economica inutile e sostituirla con il principio, molto più utile, che se le risorse si condividono tutti crescono e stanno meglio.

L’inizio del sogno

Quell’idea diventa un balsamo sulle cicatrici del Vecchio continente, che ha ancora nelle orecchie il rombo dei cannoni, e oggi la storia insegna che la “Comunità europea del carbone e dell’acciaio” che nasce nel ’51 è di fatto la prima pietra che porterà decenni dopo al sorgere dell’Ue. Ma da dove veniva quell’ingegno politico e soprattutto quell’anima di Schuman, ovvero l’esercizio delle “virtù eroiche” per cui oggi la Chiesa, con i Decreti approvati da Papa Francesco, lo riconosce Venerabile? Il futuro padre dell’Europa unita, classe 1886, avvocato di formazione, è un cristiano a maniche rimboccate. Poco più che 25.enne si impegna con l’infanzia più miserabile, quella che non ha nessuno e sopravvive di espedienti. Willibrord Benzler, che diventerà vescovo di Metz, lo vuole presidente della Federazione diocesana delle Associazioni giovanili cattoliche. Poi arriva il 1913, l’anno del 60.mo Katholikentag, il Congresso dei cattolici tedeschi, che in quell’anno si celebrava a Metz. Schuman viene coinvolto nell’organizzazione e in lui il sogno di un’Europa unita, fondata sulla solidarietà e a custodia di una pace mondiale, diventa un obiettivo della carriera politica che inizia nel 1919.

Il politico servitore

Fra le due guerre si occupa dell’integrazione legislativa di Alsazia e Lorena dopo l’annessione alla Francia e si spende con energia per difendere il Concordato con la Santa Sede e a difesa della giustizia sociale. Gli anni secondo conflitto mondiale sono molto duri – prima prigioniero della Gestapo, poi la fuga e anni di clandestinità – quindi di nuovo sugli scranni del parlamento e del governo francese – ministro delle Finanze, premier, agli Esteri – ma sempre con lo stile del servitore della cosa pubblica. Fino a quel 25 marzo 1957, la data del Trattato di Roma col sodalizio di Adenauer e De Gasperi e all’elezione per acclamazione come primo presidente del nuovo Parlamento Europeo. Dietro l’azione dell’uomo pubblico c’è l’interiorità dell’uomo che vive i sacramenti, che quando può si rifugia in un’abbazia, che riflette sulla Parola sacra prima di trovare la forma per le sue parole politiche.

Ispiratore per sempre

La sua eredità è stata condensata dal Papa nel Regina Caeli recitato il 10 maggio 2020, il giorno dopo il 70.mo anniversario della Dichiarazione Schuman. Da lì, ha ricordato Francesco, viene “il lungo periodo di stabilità e di pace di cui beneficiamo oggi”. Da lì l’esempio che possa ispirare “quanti hanno responsabilità nell’Unione Europea, chiamati ad affrontare in spirito di concordia e di collaborazione le conseguenze sociali ed economiche provocate dalla pandemia”.

Dieci suore martiri durante l’occupazione sovietica in Polonia

Con il riconoscimento del martirio, saranno beatificate dieci religiose della Congregazione delle Suore di Santa Elisabetta, uccise in Polonia, durante l’occupazione sovietica alla fine della seconda guerra mondiale. Nove sono polacche: Paschalina Jahn, Maria Edelburgis Kubitzki, Maria Rosaria Schilling, Maria Adela Schramm, Maria Sabina Thienel, Maria Sapientia Heymann, Maria Adelheidis Töpfer, Maria Melusja Rybka, Maria Acutina Goldberg. Maria Felicitas Ellmerer è nata in Germania. Sono state tutte brutalmente uccise da soldati dell’Armata Rossa in luoghi diversi, tra il febbraio e il maggio del 1945, mentre svolgevano il loro servizio di assistenza a malati e anziani. Una di esse, suo Maria Rosaria Schilling, è stata violentata da circa 30 soldati e uccisa il giorno dopo. L’accanimento dei militari sovietici verso le suore manifestava il loro odio verso la fede e in particolare nei confronti dei cattolici. Indottrinati di cultura atea e marxista, usavano lo stupro come arma di umiliazione verso chi indossava l’abito religioso. Nessuna delle suore ha voluto lasciare la propria missione accanto alle persone, nella consapevolezza dei rischi che correvano. I fedeli le hanno subito considerate delle martiri. Le loro tombe sono ancora oggi meta di numerosi pellegrinaggi.

Padre Jeningen, anima del Santuario mariano di Schönenberg

Tra i prossimi Beati c’è anche il sacerdote gesuita tedesco Johann Philipp Jeningen, vissuto nel 17.mo secolo (1642-1704), che riuscì a trasformare una piccola cappella dedicata alla Madre di Dio, posta sul colle di Schönenberg nel Ducato di Württemberg, in un popolare Santuario mariano, meta di numerosi pellegrinaggi.

Tra i nuovi Venerabili, un sacerdote e tre religiose

Tra gli altri Venerabili ci sono: il sacerdote italiano Severino Fabriani, fondatore della Congregazione delle Figlie della Provvidenza per le Sordomute (1792-1857); la religiosa russa Angela Rosa Godecka, fondatrice della Congregazione delle Piccole Suore del Cuore Immacolato di Maria (1861-1937), con il carisma dell’assistenza alle operaie delle fabbriche; la suora italiana Orsola Donati, della Congregazione delle Suore Minime dell’Addolorata (1849-1935); la suora spagnola Maria Stella di Gesù, della Congregazione delle Religiose di Maria Immacolata (1899-1982).

19 giugno 2021, 12:00