Cerca

Vatican News

Il Papa: la Chiesa una sala grande che accoglie tutti, non un circolo chiuso di perfetti

Francesco celebra la Solennità del Corpus Domini all'Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro: "Serve la sete di Dio, altrimenti anche le nostre celebrazioni sono aride. Il problema che per molti oggi la sete in Dio si è estinta". "Se davanti all'Eucarestia mancano lo stupore e l'adorazione non c’è strada che ci porti al Signore. Neppure ci sarà il Sinodo"

Salvatore Cernuzio - Città del Vaticano

“Ecco che un uomo senza nome, un padrone di casa, gli presta la sua camera più bella. Egli ha dato ciò che aveva di più grande perché intorno al grande sacramento ci vuole tutto grande, camera e cuore, parole e gesti”. 

Richiama le parole di don Primo Mazzolari, Papa Francesco, nella sua omelia per la solennità del Corpus Domini, per prefigurare l’immagine di una Chiesa che è “una sala grande”, dalle "porte aperte", “dove tutti possono entrare”. Non "un circolo piccolo e chiuso", ma "una Comunità con le braccia spalancate, accogliente verso tutti”. Una comunità dove si guarda all'Eucarestia con "stupore e adorazione": se manca quello, avverte il Papa, "non c'è strada che ci porti al Signore. Neppure ci sarà il Sinodo". (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

La Chiesa dalle porte aperte 

“La Chiesa dev’essere una sala grande”, afferma a più riprese Francesco nella messa celebrata anche quest'anno all’Altare della Cattedra di San Pietro e non - a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia - nel tradizionale scenario del sagrato di San Giovanni in Laterano, con la processione fino a Santa Maria Maggiore, oppure in luoghi di periferia come avvenuto nel 2018, con la celebrazione a Ostia, e nel 2019, nel quartiere romano di Casal Bertone. Contingentato anche il numero dei fedeli presenti in Basilica. A loro, e alle centinaia di persone collegate alla celebrazione via streaming, il Pontefice pone una domanda: “Quando si avvicina qualcuno che è ferito, che ha sbagliato, che ha un percorso di vita diverso, la Chiesa è una sala grande per accoglierlo e condurlo alla gioia dell’incontro con Cristo?”. “L’Eucaristia vuole nutrire chi è stanco e affamato lungo il cammino, non dimentichiamolo!”, afferma Francesco. “La Chiesa dei perfetti e dei puri è una stanza in cui non c’è posto per nessuno; la Chiesa dalle porte aperte, che festeggia attorno a Cristo, è invece una sala grande dove tutti possono entrare”.

L'umanità assetata

Quella della sala grande è una delle tre immagini proposte dal Vangelo della Solennità, che il Pontefice usa come spunti di riflessione per la sua omelia. L’altra immagine è l’uomo che porta una brocca d’acqua. “Seguitelo”, dice Gesù ai due discepoli inviati in città, perché dove li avrebbe condotti quell’uomo, là si sarebbe celebrata la Cena della Pasqua. Un uomo “anonimo” diventa dunque “guida per i discepoli”, mentre la brocca d’acqua è “segno di riconoscimento” che, dice il Papa, fa pensare all’“umanità assetata”, sempre alla ricerca di una sorgente d’acqua che la disseti e la rigeneri”.

“Tutti noi camminiamo nella vita con una brocca in mano: tutti noi, ognuno di noi ha sete di amore, di gioia, di una vita riuscita in un mondo più umano. E per questa sete, l’acqua delle cose mondane non serve, perché si tratta di una sete più profonda, che solo Dio può soddisfare”

Papa Francesco celebra la messa per la Solennità del Corpus Domini nella Basilica di San Pietro
Papa Francesco celebra la messa per la Solennità del Corpus Domini nella Basilica di San Pietro

Non possiamo farcela da soli

Bisogna riconoscerla, però, questa “sete di Dio” per celebrare l’Eucaristia. Bisogna essere, cioè, “consapevoli che non possiamo farcela da soli ma abbiamo bisogno di un Cibo e di una Bevanda di vita eterna che ci sostengono nel cammino”. “Il dramma di oggi - osserva il Pontefice - è che spesso la sete si è estinta. Si sono spente le domande su Dio, si è affievolito il desiderio di Lui, si fanno sempre più rari i cercatori di Dio. Dio non attira più perché non avvertiamo più la nostra sete profonda”. La sete di Dio, rimarca il Papa, “ci porta all’altare”; se manca “le nostre celebrazioni diventano aride”.

“Anche come Chiesa, allora, non può bastare il gruppetto dei soliti che si radunano per celebrare l’Eucaristia; dobbiamo andare in città, incontrare la gente, imparare a riconoscere e a risvegliare la sete di Dio e il desiderio del Vangelo”

Dio si fa piccolo come un pezzo di pane

Francesco si sofferma quindi sull’immagine della “sala grande, arredata e già pronta” per celebrare la cena pasquale: “Una sala grande per un piccolo pezzo di Pane. Dio si fa piccolo come un pezzo di pane e proprio per questo occorre un cuore grande per poterlo riconoscere, adorare e accogliere”. “La presenza di Dio è così umile, nascosta, talvolta invisibile, che ha bisogno di un cuore preparato, sveglio e accogliente per essere riconosciuta”, rileva il Papa. “Invece se il nostro cuore, non ha una grande sala, somiglia a un ripostiglio dove conserviamo con rimpianto le cose vecchie; se somiglia a una soffitta dove abbiamo riposto da tempo il nostro entusiasmo e i nostri sogni; se somiglia a una stanza angusta, una stanza buia perché viviamo solo di noi stessi, dei nostri problemi e delle nostre amarezze, allora sarà impossibile riconoscere questa silenziosa e umile presenza di Dio”.

Stupore e adorazione davanti all'Eucarestia

Ci vuole una sala grande che, concretamente, significa “allargare il cuore”. Quindi “uscire dalla piccola stanza del nostro io ed entrare nel grande spazio dello stupore e dell’adorazione”. Proprio lo stupore e l'adorazione, annota il Papa a braccio, è quello che " ci manca tanto": "Di tanti movimenti che noi facciamo per incontrarci, riunirci, pensare insieme la pastorale... Se manca questo, se manca lo stupore, l’adorazione, non c’è strada che ci porti al Signore. Neppure ci sarà il Sinodo, niente".

Papa Francesco nella messa per il Corpus Domini
Papa Francesco nella messa per il Corpus Domini

Dio non chiede nulla ma dona tutto

Infine una terza immagine: Gesù che spezza il Pane. “Il gesto eucaristico per eccellenza, il gesto identitario della nostra fede”, ma al contempo “un gesto sconvolgente”, perché il Figlio di Dio "si fa agnello e si immola per donarci la vita”.

“È il Signore che non spezza nessuno ma spezza Sé stesso. È il Signore che non esige sacrifici ma sacrifica Sé stesso. È il Signore che non chiede nulla ma dona tutto.”

Delle solenni liturgie, solo l'amore resta

Questo “amore” siamo chiamati a viverlo per celebrare l’Eucaristia. Perché, rimarca Papa Francesco, “non puoi spezzare il Pane della domenica se il tuo cuore è chiuso ai fratelli. Non puoi mangiare questo Pane se non dai il pane all’affamato. Non puoi condividere questo Pane se non condividi le sofferenze di chi è nel bisogno”. “Alla fine di tutto, anche delle nostre solenni liturgie eucaristiche, solo l’amore resterà. E fin da adesso le nostre Eucaristie trasformano il mondo nella misura in cui noi ci lasciamo trasformare e diventiamo pane spezzato per gli altri”.

Una Chiesa con la brocca in mano

“Diventiamo una Chiesa con la brocca in mano, che risveglia la sete e porta l’acqua”, è dunque l’esortazione conclusiva del Papa per questa festa del Corpus Domini. “Spalanchiamo il cuore nell’amore, per essere noi la sala spaziosa e ospitale dove tutti possano entrare a incontrare il Signore. Spezziamo la nostra vita nella compassione e nella solidarietà, perché il mondo veda attraverso di noi la grandezza dell’amore di Dio”. 

Al termine della celebrazione, viene esposto il Santissimo Sacramento. Il Papa e i fedeli presenti in Basilica si raccolgono per alcuni minuti in adorazione silenziosa.

Il Papa in adorazione silenziosa davanti al Santissimo Sacramento
Il Papa in adorazione silenziosa davanti al Santissimo Sacramento
06 giugno 2021, 18:30