Cerca

Vatican News
La firma dell'enciclica Fratelli tutti - Assisi ottobre 2020 La firma dell'enciclica Fratelli tutti - Assisi ottobre 2020 

Mosca, Fratelli tutti: la gioia del Papa per l'opera curata dal Muslim Forum international

Nel messaggio inviato in occasione della presentazione oggi a Mosca dell'enciclica tradotta in russo sotto l'egida della Direzione spirituale dei musulmani della Federazione russa, il Papa si dice rallegrato e colpito per l'opera così realizzata ed esprime fiducia nel fatto che il confronto sincero sui temi del testo favorisca il dialogo tra le religioni e sia di beneficio per la vita collettiva

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano 

Una "bella e gioiosa sorpresa". Così il Papa saluta la notizia della traduzione in russo e della presentazione di questo pomeriggio a Mosca, nel Centro culturale “Pokrovskie vorota”, dell'enciclica Fratelli tutti, che così - sottolinea il Pontefice - da oggi  è " disponibile a un gran numero di uomini e donne di buona volontà che vorranno confrontarsi con questo testo". Che sia un approfondimento e un confronto "proficuo" è l'auspicio espresso da Francesco, in modo da "poterne trarre beneficio per la vita personale e sociale".

Un aiuto al dialogo per la Russia e per tutta la famiglia umana

Altra fonte di gioia per il Pontefice - come si legge nel messaggio datato 17 febbraio, Mercoledì delle Ceneri - è il fatto che sia stato il Muslim International Forum a curare questa traduzione in lingua russa. Scrive Francesco:

Penso che la riflessione e il dialogo su questa Enciclica possa essere di aiuto non solo per la Federazione Russa, dove il dialogo tra cristiani e musulmani è chiamato a crescere, ma per la famiglia umana nel suo insieme. Infatti, nel mondo globalizzato e interconnesso in cui viviamo, un gesto che viene fatto in un angolo ha ripercussioni in ogni altra parte.

Fratelli tutti: un confronto utile al dialogo tra religioni

L'occasione della presentazione dell'opera al pubblico e la traduzione stessa in lingua russa, rappresenta inoltre nelle parole del Papa, un'occasione per favorire il dialogo tra le religioni:

La fratellanza nasce dal fatto di riconoscere un unico Padre. E, se siamo tutti figli di un unico Padre, allora possiamo chiamarci fratelli e soprattutto vivere come tali.                               

03 marzo 2021, 14:30