Cerca

Vatican News
Monsignor Fabio Fabene, nuovo Segretario della Congregazione per le Cause dei Santi Monsignor Fabio Fabene, nuovo Segretario della Congregazione per le Cause dei Santi   (Synod2018)

Monsignor Fabene nuovo segretario delle Cause dei Santi

Questa mattina la nomina del Papa per il vescovo titolare di Montefiascone, finora Sotto-Segretario del Sinodo dei Vescovi

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano 

Papa Francesco ha nominato Segretario della Congregazione per le Cause dei Santi monsignor Fabio Fabene, vescovo titolare di Montefiascone, dal 2014 Sotto-Segretario del Sinodo dei Vescovi. Affiancherà il prefetto, il cardinale Marcello Semeraro.

Nato a Roma il 12 marzo 1959 e formatosi al Pontificio Seminario Regionale in Viterbo, Fabio Fabene è stato ordinato sacerdote il 26 maggio del 1984 e ha conseguito il dottorato in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense iniziando subito ad insegnare presso l'Istituto Teologico Viterbese. In Vaticano, dal 2010, è Capo Ufficio della Congregazione per i Vescovi, e ricopre l'incarico di Sostituto della Segreteria del Collegio Cardinalizio. Dal 1996 è anche Giudice Esterno del Tribunale di prima istanza per le cause di nullità di matrimonio della Regione Lazio e dal 2012 è stato nominato Prelato d'Onore di Sua Santità.

Laici e giovani nel cammino della Chiesa

Monsignor Fabene oltre ad essere l'autore di diversi articoli per riviste di diritto canonico, ha firmato la biografia del cardinale Marco Antonio Barbarigo di cui è anche il postulatore della Causa di Beatificazione e Canonizzazione. Dall'8 febbraio del 2014 nel suo incarico come Sotto-Segretario del Sinodo dei Vescovi, monsignor Fabio Fabene è intervenuto spesso ai microfoni di Vatican News sulle questioni riguardanti il Sinodo e in particolare sul ruolo dei laici e dei giovani richiamati nelle recenti assemblee sinodali del 2018 e del 2019. Nel suo ultimo libro intitolato “Sinfonia di ministeri” con la prefazione di Papa Francesco, il vescovo ha riassunto il percorso sinodale che ha rilanciato il protagonismo laicale negli ultimi decenni,  il cammino ecclesiale che ha portato all’ampliamento dei ministeri laicali e a una nuova consapevolezza della loro centralità in una Chiesa missionaria e in uscita. Altrettanto centrale per il presule il ruolo dei giovani. Così, all'indomani dell'Assemblea sinodale a loro dedicata e alla luce dell'Esortazione post sinodale "Christus vivit”, monsignor Fabene sottolineava che i giovani sono il lievito dentro la massa e pertanto il loro contributo nella Chiesa è fondamentale. “La Chiesa è giovane non dei giovani - spiegava in merito all'Esortazione - sono loro che hanno ribadito l’intenzione di essere Chiesa insieme a tutti.  “Loro hanno la capacità di ringiovanire la Chiesa e da qui c’è l’invito a tutte le comunità di dargli fiducia, inserendoli nel cammino di ogni singola comunità”.

18 gennaio 2021, 12:11