Cerca

Vatican News

Il Papa: per Natale facciamo un regalo ad un bisognoso e prepariamo il cuore

All’Angelus dell’ultima domenica d’Avvento, Francesco invita, sull’esempio di Maria nell’Annunciazione, a dire “sì” al Signore facendo passi concreti verso il Natale, perché “se la nascita di Gesù non tocca la vita, passa invano”. Non lamentiamoci “di quello che la pandemia ci impedisce di fare” ma pensiamo ai poveri “a cui nessuno pensa” e andiamo a pregare, per liberare il cuore dal male e accogliere Gesù che viene

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Maria ci invita a fare “un passo concreto verso il Natale”, perché “se la nascita di Gesù non tocca la vita, passa invano”. Come lei nel momento dell’Annunciazione, non rinviamo, diciamo un “sì” coraggioso e pronto: con “un regalo ad un bisognoso” al quale nessuno pensa, e preghiamo, senza lasciarci "sequestrare" dal consumismo, per avere “un cuore libero dal male, pronto ad ospitare Dio”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Un annuncio che non porta solo gioia

Papa Francesco commenta così, prima della preghiera dell’Angelus recitata dalla finestra del suo studio che da' su Piazza San Pietro., il Vangelo di Luca in questa quarta e ultima domenica di Avvento, che ripropone il racconto dell’Annunciazione. Spiega innanzitutto, che l’annuncio dell’angelo a Maria “concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù”, non è solo portatore di gioia.

La scelta di Maria, rischiare tutto per dire "sì" 

Perché è vero, tutte le donne del tempo sognavano “di diventare la madre del Messia”, ma le annuncia una grande prova. Infatti da “promessa sposa” di Giuseppe, la Legge di Mosè “stabiliva che non dovevano esserci rapporti e coabitazione”. Dunque, avendo un figlio, Maria avrebbe trasgredito la Legge, e rischiava, come donna, la lapidazione.

Certamente il messaggio divino avrà riempito il cuore di Maria di luce e di forza; tuttavia, ella si trovò di fronte a una scelta cruciale: dire “sì” a Dio rischiando tutto, compresa la vita, oppure declinare l’invito e andare avanti con il suo cammino ordinario.

L' Angelus del Papa da Piazza san Pietro
L' Angelus del Papa da Piazza san Pietro

Maria e il "sì" coraggioso, da innamorata di Dio

E Maria “che cosa fa?”, si chiede il Papa. Risponde: “Avvenga per me secondo la tua parola”. “Avvenga: è il famoso fiat di Maria. Ma nella lingua in cui è scritto il Vangelo” chiarisce Francesco, è un verbo che “indica un desiderio forte, la volontà ferma che qualcosa si realizzi”. Quindi Maria non dice: “Se deve avvenire avvenga…, se non si può fare altrimenti…”, non esprime “un’accettazione debole e remissiva”, ma un forte desiderio. “Non è passiva, è attiva”.

Non subisce Dio, aderisce a Dio. È un’innamorata disposta a servire in tutto e subito il suo Signore. Avrebbe potuto chiedere un po’ di tempo per pensarci, oppure maggiori spiegazioni su che cosa sarebbe successo; magari porre qualche condizione...

Guarda il video integrale dell'Angelus

La nostra vita fatta di rinvii: "Lo farò domani"

Invece, commenta ancora il Pontefice, “non prende tempo, non fa aspettare Dio, non rinvia”.

Quante volte la nostra vita è fatta di rinvii, anche la vita spirituale! So che mi fa bene pregare, ma oggi non ho tempo; so che aiutare qualcuno è importante, ma oggi non posso. Lo farò domani, cioè mai. Oggi, alle porte del Natale, Maria ci invita a non rimandare, a dire “sì”.

Il nostro "sì": non un regalo per noi, ma per un povero

Ogni “sì” costa, ammette Papa Francesco, “ma sempre meno di quanto costò a lei quel ‘sì’ coraggioso e pronto”, che “ci ha portato la salvezza”. E noi, si chiede ancora il Papa, “quali ‘sì’ possiamo dire?”

In questo tempo difficile, anziché lamentarci di quello che la pandemia ci impedisce di fare, facciamo qualcosa per chi ha di meno: non l’ennesimo regalo per noi e per i nostri amici, ma per un bisognoso a cui nessuno pensa!

Preghiamo e non lasciamoci "sequestrare" dal consumismo

E Francesco aggiunge un altro consiglio: “perché Gesù nasca in noi, preghiamo, e non lasciamoci trascinare dal consumismo, "che ci ha sequestrato il Natale", perché solo così il nostro cuore sarà simile a quello di Maria: libero dal male, accogliente, pronto a ospitare Dio”.

Se il Natale non tocca la vita, passa invano

L’ultima frase della Vergine in questa ultima domenica d’Avvento: “Avvenga per me secondo la tua parola”, conclude il Pontefice, “è l’invito a fare un passo concreto verso il Natale. Perché se la nascita di Gesù non tocca la vita, passa invano”. La Madonna ci aiuti a dire con la vita la frase “si compia in me la tua parola”, che “tra poco diremo all’Angelus”.

20 dicembre 2020, 12:12