Cerca

Vatican News

Il Papa ricorda le ferite non ancora rimarginate del terremoto in Irpinia

Nel saluto del dopo Angelus, Francesco parla del 40.mo anniversario del terremoto che il 23 novembre 1980 colpì Campania e Basilicata e invita alla solidarietà con le famiglie in difficoltà economica che in questo periodo hanno perso il lavoro

Francesca Sabatinelli - Città del Vaticano

A 40 anni dal “disastroso terremoto” dell’Irpinia, che “seminò morte e distruzione” il Papa, nei saluti del dopo Angelus, ha rivolto il suo pensiero alle popolazioni della Campania e della Basilicata:

Quell’evento drammatico, le cui ferite anche materiali non sono ancora del tutto rimarginate, ha evidenziato generosità e solidarietà degli italiani. Ne sono testimonianza i gemellaggi tra i paesi terremotati e quelli del nord e del centro i cui legami ancora sussistono. Queste iniziative hanno favorito il faticoso cammino della ricostruzione e soprattutto la fraternità tra le diverse comunità della penisola.

Il terremoto della domenica 23 novembre del 1980, di magnitudo X della Scala Mercalli, colpì un’area di oltre 17 mila chilometri dell’Italia meridionale, toccando soprattutto le province di Avellino, Salerno e Potenza e radendo al suolo alcuni paesi, con il drammatico bilancio di circa 3 mila morti, più di 8 mila feriti e 280 mila sfollati. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il pensiero alle famiglie in difficoltà per la mancanza di lavoro

Francesco, successivamente, ha salutato i romani e i pellegrini che “malgrado le difficoltà attuali e sempre nel rispetto delle regole” sono giunti in Piazza San Pietro per la recita dell’Angelus. Un pensiero speciale è andato alle famiglie che, in questo tempo, vivono momenti difficili:

Su questo pensate a tante famiglie che sono in difficoltà in questo momento, perché non hanno il lavoro, hanno perso il lavoro, hanno uno, due figli, e delle volte, con un po’ di vergogna, non fanno sapere questo. Ma siate voi ad andare a cercare dove c’è necessità. Dove è Gesù, dove è Gesù nel bisogno. Fate questo.

22 novembre 2020, 12:31