Cerca

Vatican News
Il cardinale Bassetti presenta al Papa il nuovo Messale della Cei Il cardinale Bassetti presenta al Papa il nuovo Messale della Cei 

Francesco: il nuovo Messale Cei in linea con il Concilio

Il cardinale Bassetti e un gruppo di rappresentanti della Conferenza episcopale italiana hanno presentato al Papa la nuova edizione del testo liturgico che sostituirà definitivamente l'attuale a partire dalla domenica di Pasqua del 2021

Alessandro De Carolis – Città del Vaticano

La nuova forma di un’antica sostanza che affonda la radice nel Vaticano II. Il nuovo Messale della Cei che stamattina il Papa ha stretto fra le mani – attorniato dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente dei vescovi italiani, e dal gruppo di lavoro che ha realizzato l’opera – viene da lontano e Francesco lo ha voluto notare nel ringraziare i suoi sopiti ricevuti in udienza.

Pagine di tradizione viva

“Papa Francesco ha ringraziato per il dono ricevuto, sottolineando l’importanza del lavoro svolto e la continuità nell’applicazione del Concilio”, riferisce un comunicato della Conferenza episcopale italiana. Che riporta anche le parole del cardinale Bassetti, per il quale il libro del Messale “non è soltanto uno strumento liturgico, ma un riferimento puntuale e normativo che custodisce la ricchezza della tradizione vivente della Chiesa” e la sua riconsegna diventa “un’occasione preziosa di formazione per tutti i battezzati”.

Il Papa sfoglia il nuovo Messale della Cei
Il Papa sfoglia il nuovo Messale della Cei

Un linguaggio aggiornato

Il testo, che le parrocchie potranno adottare fin da subito ma obbligatoriamente dalla prossima domenica di Pasqua, il 4 aprile 2021, è stato approvato “secondo le delibere dell’Episcopato e ha ricevuto – ricorda la nota della Cei – l’approvazione da Papa Francesco il 16 maggio 2019. Oltre alle variazioni e agli arricchimenti della terza edizione tipica latina, propone altri testi facoltativi di nuova composizione, maggiormente rispondenti al linguaggio e alle situazioni pastorali delle comunità e in gran parte già utilizzati a partire dalla seconda edizione in lingua italiana del 1983”.

Le novità

Tra le innovazioni, peraltro già note, ci sarà fra le altre la modifica al Padre Nostro (il “non ci indurre in tentazione” diventa “non abbandonarci alla tentazione”), mentre nel Gloria il “pace in terra agli uomini di buona volontà” è sostituito dall’espressione “pace in terra agli uomini, amati dal Signore. Il Messale è edito dalla Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena in un unico formato e sarà distribuito dalla Libreria Editrice Vaticana a partire dalla fine di settembre.

28 agosto 2020, 17:12