Cerca

Vatican News

Il Papa: per vedere Dio bisogna liberarsi dagli inganni del cuore

E’ sulla sesta Beatitudine che si concentra stamani la catechesi del Papa all’udienza generale tenuta nella Biblioteca del Palazzo Apostolico per le misure di contrasto alla pandemia da coronavirus

Debora Donnini – Città del Vaticano

La battaglia che l’uomo deve affrontare è quella che avviene nel cuore che deve essere liberato dai suoi inganni. Lo ricorda Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale, che dall’11 marzo scorso tiene dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico per l’emergenza da coronavirus. Proseguendo il ciclo di catechesi sulle Beatitudini, il Papa si sofferma oggi sulla sesta e quindi sulla purezza del cuore come condizione per vedere Dio. Cercare il volto di Dio significa infatti desiderare una relazione non meccanica ma personale, come la stessa vicenda di Giobbe manifesta: prima la conoscenza è per sentito dire, poi, alla fine, lo conosciamo direttamente se siamo fedeli. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

La battaglia contro gli inganni interiori

Come per i discepoli di Emmaus, l’origine della “cecità” è un cuore stolto e lento e quando è così, afferma il Papa, "si vedono le cose come annuvolate". Il Signore schiuderà poi il loro sguardo al termine di un cammino che culmina con la frazione del pane. “Dio è più intimo a me di me stesso”, diceva Sant’Agostino, a cui Francesco si richiama per indicare la rotta per poter contemplare Dio: entrare dentro di noi e fargli spazio.

Per vedere Dio non serve cambiare occhiali o punto di osservazione, o cambiare autori teologici che mi insegnino il cammino: bisogna liberare il cuore dai suoi inganni! Questa strada è l’unica. Questa è una maturazione decisiva: quando ci rendiamo conto che il nostro peggior nemico, spesso, è nascosto nel nostro cuore. La battaglia più nobile è quella contro gli inganni interiori che generano i nostri peccati. Perché i peccati cambiano la visione interiore, cambiano la valutazione delle cose, ti fanno vedere cose che non sono vere, o almeno che non sono così vere.

Il cammino di purificazione 

Per capire quindi cosa sia la “purezza del cuore” il Papa si rifà alla concezione biblica del cuore che non consiste solo nei sentimenti ma nel “luogo più intimo dell’essere umano”. Il puro di cuore è quindi una persona alla presenza del Signore e possiede una vita “unificata”, lineare e non tortuosa. E questo è frutto di un processo che implica “una liberazione e una rinuncia”. Il puro di cuore, quindi, “non nasce tale” ma ha imparato a “rinnegare in sé il male”, un processo che nella Bibbia si chiama “circoncisione del cuore”. Si tratta di una purificazione interiore che implica il riconoscimento di quella parte del cuore che è sotto l’influsso del male per imparare invece a farsi condurre dallo Spirito Santo e, attraverso questo cammino del cuore, arrivare a “vedere Dio”.

Il cammino, la strada dal cuore malato, dal cuore peccatore, dal cuore che non può vedere bene le cose perché è messo nei peccati, tante cose, alla pienezza della luce del cuore è opera dello Spirito Santo. E’ lui che ci guida a fare questo cammino.

Aprire le porte allo Spirito Santo

In questa visione beatifica c'è una dimensione futura, la gioia del Regno dei Cieli, ma anche un'altra:

Vedere Dio vuol dire intendere i disegni della Provvidenza in quel che ci accade, riconoscere la sua presenza nei Sacramenti, la sua presenza nei fratelli, soprattutto poveri e sofferenti, e riconoscerlo dove Lui si manifesta.

Così, nel solco delle Beatitudini, inizia un camino di liberazione che dura tutta la vita, un lavoro serio che fa lo Spirito Santo se gli diamo spazio, un’opera di Dio in noi anche nelle prove e nelle purificazioni. "Non abbiamo paura - conclude il Papa - apriamo le porte del nostro cuore allo Spirito Santo perché ci purifichi e ci porti avanti in questo cammino verso la gioia piena". 

01 aprile 2020, 09:47