Cerca

Vatican News

Vicinanza di Francesco ai malati del Coronavirus e ai sanitari che li curano

Il pensiero del Papa è di nuovo andato a quanti, nel mondo, sono colpiti dal Coronavirus

"Desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza ai malati del Coronavirus e agli operatori sanitari che li curano, come pure alle autorità civili e a tutti coloro che si stanno impegnando per assistere i pazienti e fermare il contagio". Lo ha affermato Papa Francesco all’udienza generale. Lo scorso 13 febbraio, il Santo Padre aveva rivolto "una preghiera per i fratelli cinesi”. “Che trovino - aveva aggiunto - la strada della guarigione il più presto possibile”.

Ascolta le parole del Papa

Il punto sul coronavirus

Cina, Corea del Sud e Italia sono ancora i Paesi più colpiti. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, comunque il tasso di mortalità è al 2%; 4 malati su 5 hanno sintomi lievi. In Cina, dove secondo l'Oms si concentra il 95% dei casi, ieri si sono registrati 433 nuovi contagi e 29 nuovi decessi, il dato più basso dal gennaio. In Corea del Sud, altri 334 casi del nuovo coronavirus: lo riferisce la KoreaCenters for Disease Control and Prevention (Kcdc), secondo cui il totale nazionale dei contagi è salito a quota 1.595. Il numero delle vittime resta invece fermo a 12: stessa cifra per l'Itsalia dove i contagi sono oltre 500 in 10 regioni d'Italia. Guarita a Roma la donna cinese che insieme al marito era ricoverata da tempo all'ospedale Spallanzani. Scuole chiuse nel tarantino e per 3 giorni in Campania. Il presidente americano Donald Trump ha insistito sul fatto che un'ampia diffusione del nuovo coronavirus negli Stati Uniti non è inevitabile, poiché il virus si diffonde in tutto il mondo. Intanto sono state sospese tutte le esercitazioni militari congiunte Seul-Washington mentre l'Arabia Saudita ha sospeso l'ingresso nel suo territorio di pellegrini, provenienti da Paesi contagiati, che vanno alla Mecca. Sei i casi in Iraq, uno in Damiarca, Norvegia e Romania. Uno anche in Israele che ha chiuso l'ingresso agli italiani per evitare la diffusione del virus. Scuole chiuse per due settimane in Giappone. 

(Ultimo aggiornamento 27 gennaio 2020, h 12.34)

 

 

 

 

26 febbraio 2020, 10:17