Cerca

Vatican News
Papa Francesco e Angelo Sodano in una foto d'archivio Papa Francesco e Angelo Sodano in una foto d'archivio 

Gli auguri del decano del Collegio cardinalizio al Papa

"La radice di tutto è stata quel Suo 'Sì' al Signore in quel giorno ormai lontano di cinquant'anni fa". Così il cardinale Angelo sodano celebra i 50 anni di sacerdozio di Francesco a nome del collegio cardinalizio. Il testo integrale del messaggio

Venerato ed amato Papa Francesco,

Oggi ci sgorga spontaneo dal cuore l'antico canto del "Te Deum", che da secoli risuona nella Chiesa per rendere grazie a Dio per i benefici da Lui ricevuti.

"Te Deum laudamus, Te Dominum confitemur!"

Con questo spirito i Cardinali residenti in Roma hanno voluto unirsi a Lei, che oggi rende gloria a Dio per il grande dono del sacerdozio, ricevuto proprio cinquant'anni fa, in un giorno come oggi, per le mani del compianto arcivescovo di Córdoba, Mons. Ramón José Castellano, mentre Lei era circondato dall'affetto dei Suoi cari familiari e dei Suoi confratelli della Compagnia di Gesù.

Oggi, a cinquant'anni di distanza da quella data, siamo noi a stringerci intorno a Lei, per unirci alla Sua preghiera di ringraziamento al Signore per quel giorno di grazia, il 13 dicembre del 1969.

Nel 1992, il Santo Pontefice Giovanni Paolo II La chiamava all'Episcopato e si avverava anche in Lei ciò che il grande Papa scrisse sull'origine del suo sacerdozio, nel noto libro intitolato "Dono e mistero".

Li il Santo Pontefice scriveva: "Nel suo strato più profondo, ogni vocazione sacerdotale è un mistero, è il mistero dell'elezione divina".

Il Santo Pontefice citava poi le parole di Gesù agli apostoli: "Non voi avete scelto me, ma Io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto ed il vostro frutto rimanga" (Gv 15,16).

Santo Padre, da più di sei anni Ella svolge il Suo ministero nella forma più alta, quale è quella dell'Episcopato sulla Cattedra di Pietro. Ma sappiamo bene che la radice di tutto è stata quel Suo "Sì" al Signore in quel giorno ormai lontano di cinquant'anni fa.

A nome di tutti i Confratelli Cardinali, in questa fausta circostanza desidero assicurarLa della nostra costante preghiera e del nostro impegno quotidiano per sostenerLa nell'alta missione che il Signore Le ha affidato.

In questa lieta occasione del Suo cinquantesimo di sacerdozio, a nome di tutti i Confratelli Cardinali, Le auguro ogni bene, con il ringraziamento più vivo per il Suo generoso servizio quotidiano alla Santa Chiesa di Dio.

+ Angelo Card. Sodano

13 dicembre 2019, 14:59