Cerca

Vatican News

Romania, diocesi di Alba Iulia: gioia immensa per l’arrivo di Francesco

Intervista con Don Olah Zoltán, responsabile stampa della diocesi di Alba Iulia, dove Papa Francesco si recherà in occasione del viaggio apostolico in Romania

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

Uno dei momenti centrali del viaggio apostolico di Papa Francesco in Romania, in programma dal 31 maggio al 2 giugno, è la visita al santuario mariano di Sumuleu Ciuc che si trova nell’arcidiocesi di Alba Iulia, in Transilvania. In questa diocesi le parrocchie sono 581. I sacerdoti sono più di 200. Don Olah Zoltán, responsabile stampa della diocesi di Alba Iulia, sottolinea che per la popolazione di questo territorio, di lingua ungherese, è una grandissima gioia poter incontrare Francesco:

Ascolta l'intervista a don Olah Zoltán

R. – Per noi è una grandissima gioia: il Santo Padre, il successore di San Pietro, per la prima volta nella nostra storia millenaria viene a visitarci, a trovarci al santuario mariano Sumuleu Ciuc. Questo incontro ci fa grande piacere… È una gioia immensa per noi!

Cosa rappresenta e quali frutti può portare questa visita di Papa Francesco?

R. – Per noi è molto importante la visita del Santo Padre dal punto di vista del rinnovamento e del rafforzamento della Chiesa cattolica. Ci troviamo in una “periferia”, perché la maggioranza della popolazione della Romania è ortodossa. Noi cattolici siamo più o meno il sette per cento della popolazione. C’è una grande gioia nel nostro cuore per questa visita del Papa. Il Santo Padre arriverà al santuario mariano di Sumuleu Ciuc. Qui ogni anno, nel sabato della Pentecoste, vengono migliaia di persone che partecipano alla Messa e al pellegrinaggio. Per noi il fatto che il Papa arrivi una settimana prima di questo pellegrinaggio è una grande gioia. É una grande speranza di rinnovamento.

28 maggio 2019, 13:21