Cerca

Vatican News
Cartellone di accoglienza alla Gmg di Panama Cartellone di accoglienza alla Gmg di Panama 

Panama spalanca le sue porte in attesa di Francesco

I primi miracoli della Gmg di Panama sono l'alleanza tra i giovani dei 5 continenti e l’accoglienza: tutti hanno aperto le loro case per ospitare i pellegrini, anche le altre comunità religiose come quella ebraica e quella musulmana

Francesca Sabatinelli, inviata a Panama

L’attesa per l’arrivo del Papa a Panama si esprime con gli inconfondibili segnali dell’evento, una mobilitazione per accogliere al meglio il Pontefice, strade segnate da striscioni e cartelloni inneggianti a Francesco, il fervore di una macchina spinta al massimo per rendere unico un momento che unico è ancor prima che accada.

L'alleanza tra i giovani 

Qui a Panama, al di là del caldo tropicale, ciò che si percepisce subito è l’alleanza tra questi giovani accorsi da ogni parte del mondo, che da giorni popolano le strade di questa piccola capitale affacciata sull’Oceano Pacifico, pregando, cantando, ballando, riunendosi tra loro non sempre capendosi ma guardando, uniti, alla Croce. 

Le parole del Papa

"Il Signore sceglie le cose piccole le cose umili per fare le grandi opere". Le parole di Francesco sono state ricordate ai ragazzi dall'arcivescovo della città di Ulloa. Un messaggio che si rivela nel desiderio delle decine di migliaia di giovani presenti qui a Panama per la GMG come pellegrini, e anche come volontari: contribuire come chiede il Papa a cambiare il mondo soffocato da violenza, povertà e intolleranza.

I miracoli della Gmg

Le porte di Panama si sono aperte ai tanti arrivati dall’Europa e dagli altri continenti, ai tantissimi giunti dagli altri paesi della regione, Colombia, Nicaragua, Salvador, Venezuela, segnati dalle ferite che questi ragazzi chiedono di contribuire a sanare. In questo piccolo Paese di 4 milioni di abitanti, patria dello strategico e centenario Canale, la Gmg sta producendo diversi miracoli, non solo quello dell’alleanza, ma anche quello dell’accoglienza: tutti hanno aperto le loro case per ospitare chi è arrivato qui, anche le altre comunità religiose come quella ebraica e quella musulmana. Panama ponte del mondo cuore dell’universo, molto più di uno slogan in questi giorni di giornata mondiale della gioventù in attesa dell’arrivo di Papa Francesco.

22 gennaio 2019, 15:30