Cerca

Vatican News
Sfollati a Labuan dopo lo tsunami Sfollati a Labuan dopo lo tsunami  (ANSA)

Indonesia: sostegno economico del Papa alle vittime dello tsunami

Un primo aiuto verrà fornito tramite il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e sarà rivolto agli oltre 16 mila sfollati

Michele Raviart – Città del Vaticano

Papa Francesco, mediante il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, invierà un primo contributo economico per aiutare le popolazioni indonesiane di Giava e Sumatra colpite in questi giorni da uno tsunami, causato dell’eruzione del vulcano Anak Krakatoa.

Oltre quattrocento le vittime

A causa dell’onda anomala sono state infatti evacuate finora 16 mila persone, mentre il bilancio provvisorio fornito dalle Nazioni Unite parla di 430 vittime e quasi 1500 feriti, oltre a ingenti danni materiali.

La vicinanza di Francesco

“Il contributo accompagna la preghiera del Santo Padre in favore dell’amata popolazione indonesiana, ed è parte degli aiuti che si stanno attivando in tutta la rete caritativa della Chiesa cattolica”: si legge in un comunicato del Dicastero diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede. “La somma”, si legge ancora, “verrà definita nei prossimi giorni e vuol essere un’immediata espressione del sentimento di spirituale vicinanza e paterno incoraggiamento da parte del Santo Padre”.

L’appello all’Angelus del 23 dicembre

All’Angelus di domenica scorsa, Papa Francesco aveva già rivolto una preghiera e un appello agli aiuti per le popolazioni indonesiane colpite. “Invito tutti ad unirsi a me nella preghiera per le vittime e i loro cari”, aveva detto, e “faccio appello perché non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunità Internazionale".

29 dicembre 2018, 14:17