Versione Beta

Cerca

Vatican News
Archivio Archivio 

Papa Francesco ai giovani indiani: abbiate coraggio e fiducia nel futuro

Al via ieri, a New Delhi, la prima Conferenza nazionale della gioventù cattolica indiana. In un videomessaggio, il Pontefice incoraggia tutti a rendere feconde le proprie vite

“Rendete le vostre vite feconde, a beneficio di tutti. Non dimenticare che la giovinezza è una ricchezza, porta frutto. Avete il futuro e il presente nelle vostre mani. Andate avanti. Non vi scoraggiate”. Sono le parole che Papa Francesco rivolge ai partecipanti alla prima Conferenza nazionale della gioventù cattolica indiana. L’appuntamento, secondo quanto riferisce l’agenzia Fides, ha preso il via ieri a New Delhi ed è organizzato dalla Commissione per i giovani della Conferenza episcopale dell’India (CCBI), che riunisce i vescovi indiani di rito latino. Lo scorso 18 ottobre, Percival Holt, presidente nazionale del Movimento giovanile cattolico Indiano (Indian Catholic Youth Movement), presente al Sinodo dei vescovi dedicato ai giovani, ha offerto al Pontefice una croce del Buon Pastore intagliata a mano su legno di sandalo, insieme con un fiore di loto.

La Chiesa vicina ai giovani

In sintonia con l'Assise in corso in Vaticano, oltre 500 delegati, provenienti da 132 diocesi cattoliche indiane, partecipano a questa significativa iniziativa, che si protrarrà fino al 25 ottobre. “L’incontro diverrà un appuntamento annuale fisso – ha detto all’agenzia Fides Manoj Mathew, tra gli organizzatori del Movimento – pensiamo sia importante offrire ai giovani l’opportunità di partecipare a un programma di formazione nazionale”.

I progetti in cantiere

Manoj Mathew ha poi annunciato anche l’intenzione di organizzare una convention giovanile con cadenza triennale, per riunire i giovani cattolici indiani dei tre i riti presenti in India: latini, siro-malabaresi e siro-malankaresi. “Cercheremo di capire meglio la realtà dei giovani indiani – ha aggiunto – e di aiutare i giovani nel trovare risposte per affrontare le sfide che vivono nelle loro realtà locali”.

22 ottobre 2018, 19:25