Versione Beta

Cerca

Vatican News

L’intenzione di preghiera del Papa di ottobre è per i consacrati

I consacrati siano tra chi non ha voce. E’ la raccomandazione di Papa Francesco nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di ottobre

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Con la loro preghiera, povertà e pazienza, i consacrati sono essenziali per la missione della Chiesa”: così Papa Francesco nel videomessaggio, promosso dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa, per l’intenzione di preghiera del mese di ottobre e dedicato proprio alla missione dei consacrati.

Dedizione al Vangelo

Il Pontefice, nella decima edizione dell’anno de "Il Video del Papa", ricorda anche le sfide del mondo di oggi al quale i consacrati sono chiamati. “Abbiamo bisogno più che mai – evidenzia il Papa - della loro dedizione totale all'annuncio del Vangelo”. Secondo i dati dell'Annuario Pontificio del 2017, nel mondo ci sono 188.229 religiosi, mentre le religiose sono 670.320. Con le dovute specificità, le persone consacrate vivono in modo speciale tre virtù, chiamate anche “consigli evangelici”: povertà, castità e obbedienza.

Voce di chi non ha voce

“Non lasciamoci rubare l'entusiasmo missionario – afferma Francesco -  e preghiamo perché i consacrati e le consacrate risveglino il loro fervore missionario e siano presenti fra i poveri, gli emarginati e coloro che non hanno voce”. Per padre Frédéric Fornos, direttore internazionale della Rete Mondiale di Preghiera del Papa, il lavoro dei consacrati in ambito sanitario e scolastico è stato ed è immenso e assai prezioso. “La preghiera di tutta la Chiesa – ha aggiunto - è un grande aiuto”.

15 ottobre 2018, 15:00