Versione Beta

Cerca

Vatican News

Papa: i giovani collaborino alla missione della Chiesa

Nella Giornata Missionaria Mondiale il Papa prega e ringrazia i tanti missionari sparsi nel mondo e lancia un appello ai giovani a sentirsi chiamati a collaborare all'annuncio di Cristo

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano

“Insieme ai giovani portiamo il Vangelo a tutti”. Questo non solo è il tema del Messaggio del Papa per l'odierna Giornata Missionaria Mondiale, ma - ha detto Francesco nei saluti del dopo Angelus questa mattina in Piazza San Pietro -  è anche "la strada" ed "è la realtà che, grazie a Dio, stiamo sperimentando in questi giorni nel Sinodo a loro dedicato: ascoltandoli e coinvolgendoli scopriamo tante testimonianze di giovani che in Gesù hanno trovato il senso e la gioia della vita".

I giovani e l'incontro con Gesù

"E spesso" ha rimarcato il Papa riovolto ai fedeli  "lo hanno incontrato grazie ad altri giovani, già partecipi di questa sua compagnia di fratelli e sorelle che è la Chiesa. Preghiamo perché alle nuove generazioni non manchino l’annuncio della fede e la chiamata a collaborare alla missione della Chiesa".

 

Un' Ave Maria per i missionari lontani

Da qui il pensiero di Francesco si è rivolto a tanti uomini e donne che spendono, lontano dalla propia terra, la vita per l'annuncio del Vangelo:

"Io penso a tanti cristiani, uomini e donne, laici, consacrati, sacerdoti, vescovi, che hanno speso la loro vita e la spendono adesso lontani dalla Patria, annunciando il Vangelo. A loro, il nostro amore, la nostra gratitudine e la nostra preghiera. Preghiamo per loro un’“Ave o Maria” .

Già questa mattina in un tweet il Papa era tornato sul Messaggio per l'odierna Giornata Missionaria rivolgendosi nuovamente ai giovani e rimarcando  che all'amore non è possibile porre limiti e tale espansione genera l’incontro, la testimonianza, l’annuncio.

 

21 ottobre 2018, 12:20