Versione Beta

Cerca

Vatican News

Papa Francesco a S.Marta: il Grande Accusatore vuole creare scandalo

Il vescovo sia uomo di preghiera, si senta scelto e sia vicino al popolo. Così nell'omelia della Messa Casa Santa Marta, Papa Francesco che si sofferma su questi tre aspetti della figura del vescovo

Debora Donnini-Città del Vaticano

In questi tempi sembra che il Grande Accusatore ce l’abbia con i vescovi per creare scandalo. Lo sottolinea stamani il Papa nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta. I vescovi devono quindi ricordare tre aspetti fondamentali: la loro forza è essere uomini di preghiera, avere l'umiltà di sapere di essere stati scelti da Dio e rimanere vicino al popolo.

Questo fa bene ricordarlo, in questi tempi in cui sembra che il Grande Accusatore si sia sciolto e ce l’abbia con i vescovi. E vero, ci sono, tutti siamo peccatori, noi vescovi.  Cerca di svelare i peccati, che si vedano, per scandalizzare il popolo. Il Grande Accusatore che, come lui stesso dice a Dio nel primo capitolo del Libro di Giobbe, “gira per il mondo cercando come accusare”. La forza del vescovo contro il Grande Accusatore è la preghiera, quella di Gesù su di lui e quella propria; e l’umiltà di sentirsi scelto e rimanere vicino al popolo di Dio, senza andare verso una vita aristocratica che gli toglie questa unzione. Preghiamo, oggi, per i nostri vescovi: per me, per questi che sono qui davanti e per tutti i vescovi del mondo.

11 settembre 2018, 10:27